Rispondi al commento

user warning: Table 'c109agcalcio.d6_wysiwyg' doesn't exist query: SELECT * FROM d6_wysiwyg in /var/www/sites/all/modules/wysiwyg/wysiwyg.module on line 538.

I furbetti del gadget obbligatorio

Domande sui fornitori Coinart e Tourist Sport

Tavecchio è solito mostrarsi generoso con chiunque possa essere considerato posssibile business. Lo ha fatto decine di volte davanti ai miei occhi, e dicono che continui a farlo. E' uno che mostra una squadra di plastica e ti dice "finchè siamo come questa plastica nessun problema", ma poi scavalca, si scorda, si gira. Un amico in comune mi ha detto che non lo fa solo per interesse nuovo, per opportunità, ma anche per cultura, soprattutto per noia. Curiosa lettura. 

Ma la sua magnanimità è così lungimirante che a questi doni ogni anno si aggiungono le centinaia di prosciutti crudi a natale (o tonni, valige in cuoio, orologi) ma non basta. Spedisce dei gadget di dubbio valore anche alle società che si domandano che senso abbia ricevere dei ragali per trovarseli addebitati sul conto economico. La fortuna di Tavecchio è che se ne accorgono in pochi. Se qualcuno chiede chiarimenti ai presidenti regionali si trovano risposte inesistenti come la frase che esce in automatismo dalla bocca di Belloli " ehh ragazzi! queste sono cose che fa Roma."  Per la stagione 2009/2010 non si parla di poco, qui non si tratta di 500 o 600 mila euro ma di ben altro.

La sua generosità passa attraverso due società: la Coin Art di Bologna e la Tourist Sport di Cervia. Non è difficile sapere quale parentela ci sia dietro, lo si capisce dalla visura camerale. E' già più strano scoprire che dei fornitori della Lnd "debbano" acquistare gadget o consulenze da una di queste.

Ho inviato un sms al signor Mambelli chiedendo di rispondere ad una domanda, ha ignorato. Tendi la mano e loro non capiscono. Non hanno il senso della misura, sembra vivano nel "prendiamo tutto finchè ce ne è" e il resto non esiste. Beh, il tonfo sarà il loro.

Marco Maffeis

Fonte: 

redazione

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Rispondi

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <b> <br>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Maggiori informazioni sulle opzioni di formattazione.

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160