Rispondi al commento

user warning: Table 'c109agcalcio.d6_wysiwyg' doesn't exist query: SELECT * FROM d6_wysiwyg in /var/www/sites/all/modules/wysiwyg/wysiwyg.module on line 538.

Inter, Lucio: «Potevo giocare nella Roma»

in

PHILADELPHIA, 1 agosto - Intervista a Lucio, capitano del Brasile e punto fermo della difesa dell'Inter, che parla dellla stagione che sta per iniziare e ricorda, tra le altre cose, come sia stato vicinissimo a indossare la maglia della Roma.


Lu­cio, da capitano della Se­leçao, ci spiega il feeling tra i brasiliani e il cal­cio?

« Per noi il calcio è di­vertimento e in campo si vede. Quando giochiamo ci mettiamo allegria. Sempre».
 

Ci parli dei suoi conna­zionali che sono in Italia, iniziando da Maicon: quanto sarebbe impor­tante per l'Inter che ri­manesse?


« E' il miglior terzino destro del mondo insie­me a Daniel Alves e nel­l'ultima stagione è stato fondamentale. Per l'Inter è meglio che non se ne vada. E poi è un amico che mi ha aiutato parec­chio a inserirmi a Mila­no ».


Coutinho è pronto per il calcio italiano?


«L'ho conosciuto in riti­ro e mi sembra un giova­ne concentrato, discipli­nato e dalle grandi poten­zialità. Ha un futuro bril­lante in Europa perché uno con queste doti e questa tecnica è difficile da marcare».


Può essere l'anno della definitiva esplosione di Pato?


« In Italia si è già espresso su ottimi livelli, mentre in Nazionale an­cora no. E' arrivato il suo momento».


Adriano è di nuovo in Italia: sarà un successo o un flop?

«Dipende da lui. Se fa il bravo e si prepara bene possiede un potenziale incredibile e lo ha già di­mostrato all'Italia e al mondo. Lui ha tutto: for­za, tecnica e velocità. Se la Roma è la squadra ideale per lui lo dirà il tempo, ma glielo auguro. Siamo arrivati nel grup­po della Selecao insieme e siamo amici».


E' vero che Lucio avrebbe potuto giocare nella Roma?


« Nell'estate 2003 era quasi tutto fatto. La Ro­ma aveva già firmato il contratto con il Bayern Leverkusen, ma con me non c'era nessun accor­do. Tutti davano per scontato che avrei detto di sì e il direttore sporti­vo della Roma ( Franco Baldini -n.d. i.)aveva an­nunciato la conclusione dell'operazione senza parlarmi. Quando ci sia­mo incontrati mi hanno offerto meno soldi rispet­to a quelli che guadagna­vo a Leverkusen. Non po­tevoaccettare».


Leggi l'intervista completa sull'edizione del Corriere dello Sport oggi in edicola

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Rispondi

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <b> <br>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Maggiori informazioni sulle opzioni di formattazione.

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160