Rispondi al commento

user warning: Table 'c109agcalcio.d6_wysiwyg' doesn't exist query: SELECT * FROM d6_wysiwyg in /var/www/sites/all/modules/wysiwyg/wysiwyg.module on line 538.

Eccellenza Abruzzo, si salvi chi può. Ma tutto dipende dalle cugine di serie D

Ecco spiegati i meccanismi che regolano le retrocessioni in Promozione: si tremerà fino alla fine

L'Eccellenza abruzzese incrocia le gambe per venti giorni, ma sabato scorso si è concentrata sul campionato di serie D incrociando anche le dita e tifando per le squadre corregionali. Il comunicato ufficiale n°28 del 13/12/2007, quello che disciplina il meccanismo play-off e play-out della massima divisione regionale, "spaventa" almeno dodici squadre su diciotto. Dal Montorio 88 al Guardiagrele, chi più e chi meno rischia di essere coinvolto nella lotta per non retrocedere, e questo perché in serie D quattro abruzzesi su sei corrono i medesimi rischi.


LA SITUAZIONE IN D. A sei giornate dalla fine, la sensazione che almeno una squadra abruzzese sia destinata alla retrocessione diretta in Eccellenza sarà presto confortata dall'aritmetica.

Nel girone F della serie D, le ultime quattro posizioni sono infatti occupate da tre squadre della nostra regione. Il fanalino di coda è il Cologna Paese (22), alla sua prima esperienza in serie D; un punto più sopra c'è il Bojano (23), compagine molisana che da tempo condivide, con la matricola adriatica, le ultimissime caselle della graduatoria.

In zona play-out ma staccatissime dal fondo troviamo Santegidiese (29), Luco Canistro (31), Tolentino (32) e Narnese (34), mentre i molisani dell'Olympia Agnonese (36) occupano il dodicesimo posto che significa salvezza diretta, un punto in meno rispetto all'abruzzese Pro Vasto (37).

Finisse così il campionato, il Cologna andrebbe dritto in Eccellenza, mentre Sant e Canistro spareggerebbero con Narnese e Tolentino partendo con due handicap: classifica peggiore e fattore campo avverso.

Confidando in un trend positivo che consenta ai vastesi di salvarsi e considerato che per le altre due abruzzesi i play-out saranno difficilmente evitabili, alle pericolanti dell'Eccellenza che guardano alla D non resta che sognare il doppio miracolo ai play-out o, paradossalmente, sperare in uno scontro fratricida.


UNA O DUE RETROCESSIONI DALLA D. Se infatti a retrocedere dovessero essere soltanto una o due abruzzesi (nel caso appena descritto, l'ultima o la penultima più la perdente del derby ai play-out), in Eccellenza gli spareggi salvezza riguarderebbero soltanto quattro squadre. Con il Montesilvano già aritmeticamente retrocesso, si giocherebbero la permanenza in categoria la 14°, la 15°, la 16° e la 17° classificata, con incroci regolati dalla classifica (penultima-quintultima e terzultima-quartultima) e con le due perdenti costrette alla Promozione. Se il campionato finisse oggi, e se dalla D dovessero retrocedere una o due abruzzesi, il carnet dei play-out dell'Eccellenza proporrebbe Guardiagrele-Hatria e Alba Adriatica-Angizia Luco. In caso di una retrocessione dalla D, le vincenti dei play-out sarebbero automaticamente salve; in caso di due retrocessioni dalla D, le due vincenti sarebbero costrette ad un drammatico spareggio in campo neutro, con la perdente destinata a raggiungere in Promozione le altre tre compagini già retrocesse. Tale spareggio non verrebbe effettuato soltanto se, al termine della regular season, la differenza di punteggio fra le predette squadre dovesse essere di 10 o più punti. Attualmente, le quattro squadre invischiate in zona retrocessione sono racchiuse in un fazzoletto di nove punti, pertanto neanche i play-out sono a rischio. Infatti, se il distacco in classifica tra la 14° e la 17° squadra supera i 15 punti, la 14° classificata viene considerata vincente automaticamente; e se la differenza in classifica tra la 15° e 16° squadra supera i 9 punti, la squadra 15° classificata è considerata automaticamente salva.


TRE O QUATTRO RETROCESSIONI DALLA D. Lo scenario cambierebbe in caso di tre o quattro retrocessioni abruzzesi dalla serie D. Ipotesi che, al momento, non può essere esclusa, e che coinvolgerebbe nei play-out di Eccellenza altre due squadre, ovvero la 12° e la 13° classificata, che oggi sono Francavilla e Penne. L'ampliamento della griglia-spareggi comporterebbe scontri drammatici 12°-17° (tranne nel caso in cui il distacco fra le due squadre superi i 15 punti), 13°-16° (tranne nel caso in cui il distacco fra le due squadre superi i 12 punti) e 14°-15° (tranne nel caso in cui il distacco fra le due squadre superi i 10 punti). Considerato che il distacco massimo (12°-17°) è attualmente di 12 lunghezze, se i giochi dell'Eccellenza si chiudessero oggi e con tre o quattro retrocessioni dalla D, nel post-season assisteremmo a Guardiagrele-Francavilla, Alba Adriatica-Penne e Angizia Luco-Hatria. Le tre squadre perdenti retrocederebbero in Promozione, mentre le tre vincenti parteciperebbero ad un triangolare con gare in campo neutro. Al termine del triangolare, la squadra peggio piazzata seguirebbe le altre quattro in Promozione. Triangolare evitabile soltanto se una delle tre squadre vincenti, al termine del campionato sia distaccata di oltre 12 punti dalle altre due, caso in cui la squadra in questione retrocederebbe direttamente in Promozione.


SI SALVI CHI PUO'. A cinque giornate dalla fine, in Eccellenza fare calcoli e tabelle è ancora complicato. E' altrettanto difficile stabilire una quota salvezza, considerato che il traguardo dipende anche dai risultati di un altro campionato. La Spal Lanciano, dall'alto del suo quinto posto e con 47 punti, pare in una botte di ferro. In caso di play-out allargati, per dormire sonni tranquilli potrebbe essere necessario eguagliare il bottino in dote ai frentani. Se invece le abruzzesi di D dovessero ben comportarsi, di punti ne potrebbero bastare 44, se non qualcuno in meno. Una cosa è certa: con questi scenari, nel campionato di Eccellenza difficilmente assisteremo alle classiche partite di fine stagione. Anche perché la serie D finisce il 4 maggio, ovvero una domenica dopo che si concluderà uno dei tornei dilettantistici regionali più equilibrati di sempre, sia in testa che (soprattutto) in coda.


da www.abruzzocalciodilettanti.it

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Rispondi

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <b> <br>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Maggiori informazioni sulle opzioni di formattazione.

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160