Rispondi al commento

user warning: Table 'c109agcalcio.d6_wysiwyg' doesn't exist query: SELECT * FROM d6_wysiwyg in /var/www/sites/all/modules/wysiwyg/wysiwyg.module on line 538.

Abete: «Prandelli ct? Mi piacciono anche altri»

in

ROMA, 11 maggio - «Prima dell'8 giugno e della partenza per il Sudafrica scioglieremo tutti i nodi legati all'assetto tecnico dell'Italia. È una situazione che monitoriamo costantemente. La cosa certa è che, oltre agli aspetti tecnici, il ct deve possedere dei valori trasversali, in grado di unire tutti perché è l'allenatore di tutti. Il ritorno di qualche tecnico già azzurro? Qualora Lippi decida di non proseguire nel suo incarico, non abbiamo preclusioni per nessun tecnico italiano: d'altra parte, abbiamo richiamato anche Lippi...». Così il presidente della Figc, Giancarlo Abete, torna a parlare del futuro commissario tecnico della nazionale azzurra.


A margine della presentazione del libro "A bordocampo - Il calcio oltre la linea bianca" del giornalista Enrico Varriale, presso la Sala del Mappamondo della Camera dei deputati, Abete ha affrontato anche il tema legato alla candidatura dell'Italia per gli Europei del 2016. «Il 14 maggio uscirà sul sito internet dell'Uefa la valutazione sui dossier di Italia, Francia e Turchia. Questo sarà un punto di partenza in vista del 28 maggio in cui ci sarà la scelta finale. È ovvio che abbiamo di fronte due grandi competitor come Francia e Turchia. Ma la nostra è una candidatura di qualità. Certo, non so se sia più facile rivincere i Mondiali o ottenere l'assegnazione dell'Europeo. Dal punto di vista numerico credo l'Europeo, perché ce lo giochiamo in tre mentre in Sudafrica saranno 32 le formazioni al via. Entrambe le situazioni però posso dire che sono state presentate in maniera seria».


«Cesare Prandelli è un tecnico che mi piace. Ho sempre detto che è un tecnico molto preparato. Ma come lui ce ne sono altri». Così Abete sul futuro ct della nazionale italiana. Il presidente Figc ha ribadito l'apprezzamento per l'allenatore della Fiorentina: «Prandelli mi piace, ma come lui anche altri. Mi viene in mente Carlo Ancelotti, che ha dimostrato le sue qualità con la vittoria della Premier sulla panchina del Chelsea. Prima della partenza per il Sudafrica scioglieremo ogni nodo sull'assetto tecnico dell'Italia, fermo restando che se Lippi dovesse decidere di prolungare il proprio rapporto con la Federazione sarebbe in cima alle nostre priorità».

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Rispondi

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <b> <br>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Maggiori informazioni sulle opzioni di formattazione.

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160