Rispondi al commento

user warning: Table 'c109agcalcio.d6_wysiwyg' doesn't exist query: SELECT * FROM d6_wysiwyg in /var/www/sites/all/modules/wysiwyg/wysiwyg.module on line 538.

Cambiasso: «Siena e Bayern, davanti all'Inter due finali»

in

MILANO, 9 maggio  - Prove tecniche di scudetto. L'Inter è stata vicinissima ad aggiungere il secondo tassello della tripletta. «Va bene così - commenta Dejan Stankovic - è rimandato tutto alla settimana prossima, stiamo convivendo con pressioni altissime e dobbiamo stare molto concentrati». Una partita, questa Inter-Chievo, che era cominciata nel peggiore dei modi: autogol non di Samuel, come era apparso in un primo momento, ma di Thiago Motta, poi uscito per infortunio.


LO SCUDETTO - Poi però è stato un saliscendi di emozioni, complici gli aggiornamenti provenienti da Roma: «Abbiamo sentito l'emozione del pubblico allo svantaggio della Roma - racconta Esteban Cambiasso - forse ci ha un pò distratto. Se avessimo vinto lo scudetto oggi avremmo potuto riposare una settimana in più, col rischio di arrivare scarichi a Madrid». Cambiasso, autore di una rete (lui però si schernisce: «In realtà quello di Milito è stato un gol da vero attaccante, non il mio»), ritiene che per l'Inter ci siano ormai due finali: "Una col Siena e l'altra con il Bayern Monaco". Sulle polemiche relative al premio in denaro per i giocatori del Siena se dovessero battere i nerazzurri, Cambiasso stempera: «Tutti i giocatori danno sempre il massimo in ogni gara, prima di parlare di premi bisogna sempre rispettare i giocatori. In merito alla partita c'è da dire che abbiamo il vantaggio che se vinciamo lo scudetto sarà nostro». L'altra finale, quella di Champions League, Mourinho aveva auspicato che per l'Inter fosse un sogno e non un'ossessione. Cambiasso è d'accordo: «Sarebbe un sogno andare a Madrid da campioni d'Italia, da quando sono arrivato in Europa attendo un momento simile». Proprio su Mourinho e sul suo futuro Cambiasso dedica una battuta: «Col presente che abbiamo - dice rivolto a una cronista - ti sembra che possiamo parlare del futuro?». Un giocatore che non si ferma mai è l'attaccante Diego Milito. Proprio lui è abbastanza sollevato dal fatto che «per la prima volta da febbraio - dice il giocatore - abbiamo una settimana intera per preparare la partita, quindi potremo allenarci per essere al meglio in questa vera e propria finale del nostro campionato».

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Rispondi

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <b> <br>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Maggiori informazioni sulle opzioni di formattazione.

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160