Rispondi al commento

user warning: Table 'c109agcalcio.d6_wysiwyg' doesn't exist query: SELECT * FROM d6_wysiwyg in /var/www/sites/all/modules/wysiwyg/wysiwyg.module on line 538.

Genoa-Milan a porte chiuse, i tifosi protestano

in

MILANO, 9 maggio - Manifestazione di protesta, davanti alla sede della Lega Calcio a Milano, da parte di diversi ultras del Milan che esprimono il loro dissenso sulla scelta delle istituzioni di far giocare a porte chiuse la partite tra Genoa e Milan oggi a Marassi. La decisione è giunta nella tarda serata di ieri dopo che, nei giorni scorsi le istituzioni avevano concesso ai tifosi rossoneri di tornare a Marassi per la sfida contro il Genoa a 15 anni di distanza dalla morte di Vincenzo Spagnolo, accoltellato fuori dallo stadio ligure da tifosi milanisti. Fuori dalla sede della Lega Calcio sono circa una cinquantina gli ultras a manifestare. I tifosi si limitano a stazionare dinnanzi ala sede delle Lega sventolando due grandi bandiere rossonere. Su una è scritto semplicemente 'Ac Milan Utras', sull'altra 'Assenti presenti', nome di uno dei gruppi che trova posto nella curva sud dello stadio di San Siro.


STRISCIONI CONTRO LA TESSERA DEL TIFOSO - I tifosi rossoneri - sono stati circa 80 a dar vita al sit-in - hanno poi srotolato uno striscione davanti alla sede della Lega Calcio in cui hanno scritto: «Tessera del tifoso, un fallimento!». In questo modo gli ultras rossoneri hanno voluto protestare contro la decisione delle istituzioni di far giocare Genoa-Milan a porte chiuse sottolineando l'inutilità della tessera del tifoso che avrebbe dovuto permettere ai possessori della tessera stessa di poter andare a Genova per seguire la sfida con i rossoblù. Nel capoluogo ligure sarebbero dovuti andare 371 tifosi del Milan. Gli ultras radunati sotto la sede della Lega Calcio hanno anche accesso alcuni fumogeni rossi e verdi ed hanno scandito slogan contro il Genoa e contro la Lega Calcio, ribadendo più volte che «Non saremo mai come volete voi». La protesta dei supporter milanisti, guardati a vista da agenti della polizia e dei carabinieri in tenuta antisommossa, si è conclusa pacificamente e senza alcun problema.


CORTEO DEI TIFOSI DEL GENOA - Si è trasformata in una protesta contro la decisione di giocare Genoa-Milan a porte chiuse la manifestazione che i tifosi del Genoa hanno organizzato stamani per ricordare l'omicidio del supporter Vincenzo Spagnolo nel 1995, ad opera del tifoso rossonero Simone Barbaglia. Alcune centinaia di tifosi si sono riuniti davanti alla stazione Brignole ed hanno avviato un corteo, non autorizzato, per raggiungere lo stadio Ferraris dove renderanno omaggio alla stele in memoria dell'omicidio di Spagnolo. Il corteo è tenuto sotto controllo dalle forze dell'ordine, alcuni agenti anche in tenuta antisommossa, mantengono una distanza discreta dalla sfilata. L'assenza dei tifosi milanisti, rimasti nel capoluogo lombardo, ha infatti ridotto in parte le tensioni. La manifestazione è pacifica, spiegano i tifosi, ma «siamo arrabbiatissimi e delusi - afferma un tifoso - perchè sembra saltata ogni logica. Invece di fermare 300 tifosi del Milan, com'era successo a noi nella partita di andata a Milano, si rovina la festa a 25mila persone».

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Rispondi

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <b> <br>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Maggiori informazioni sulle opzioni di formattazione.

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160