Rispondi al commento

user warning: Table 'c109agcalcio.d6_wysiwyg' doesn't exist query: SELECT * FROM d6_wysiwyg in /var/www/sites/all/modules/wysiwyg/wysiwyg.module on line 538.

Van Basten, Milan più vicino: «Ora non ne parlo»

in

MILANO, 9 maggio - Nel giorno della possi­bile conquista del terzo posto che vale la Champions League diretta, ecco che irrompe Marco Van Ba­sten. Incertettato dai microfoni di Telelombardia e Antenna 3 ieri al suo arrivo alla Malpensa, l’ex- at­taccante rossonero ha manifestato meno perplessità sulla panchina del Milan rispetto a quanto aveva fatto in precedenza. «Mi trovo sempre bene qui a Mi­lano - ha detto sorpreso di essere stato «beccato» al suo arrivo da Amsterdam - ma non so niente, non ho sentito niente dell’interessamen­to del Milan, sono appena arrivato. I tifosi rossoneri mi vogliono? I tifo­si devono pensare al campionato, non è giusto parlarne ora. Mi vuole anche Berlusconi? Non lo so. Par­liamo di questo quando sarà il mo­mento giusto, adesso non è il mo­mento. Il Milan è impegnato in campionato. Non dico niente, non è giusto».


GOLF, CHE PASSIONE! - In realtà Van Basten è tornato in italia soprattutto per gio­care a golf. Ieri pomeriggio ha rag­giunto subito Biella dove è stato ospite dell’amico Donadoni su un percorso che gli piace molto. Oggi si trasferirà ad Agrate Conturbia (sul lago Maggiore in provincia di Novara) dove, questa volta, sarà ospite di Gianluca Vialli e Massimo Mauro organizzatori della settima edizione della tradizionale gara di golf che ha lo scopo di raccogliere fondi per la ricerca sulla Sla. Do­mani è in programma la competi­zione alla quale parteciperanno an­che Tassotti, Donadoni e Del Piero. Martedì invece potrebbe incontra­re Berlusconi.


LEONARDO - Intanto l’attuale tec­nico milanista, presentando ieri la sfida contro il Genoa, ha ancora una volta diluito nel tempo, anche se non ne rimane molto, il suo futu­ro. Una cosa è certa: un possibile riavvicinamento con il presidente Berlusconi appare più che mai pro­blematico. «No, non l’ho sentito, né in settimana, né di recente» ha ta­gliato corto l’allenatore brasiliano che, forse, nemmeno oggi con il ter­zo posto matematicamente acquisi­to potrebbe avere voglia di fare chiarezza su quanto gli accadrà e, di conseguenza, su cosa succederà al Milan. « Vogliamo mantenere il terzo posto in classifica e sappia­mo che questa volta sarà matema­ticamente possibile a prescindere da quello che potrà accadere nella gara tra Palermo e Sampdoria - ha spiega Leonardo - perchè tutto di­penderà da noi. Dopo, solo dopo, ottenuto un risultato, si potrà pen­sare al futuro». Leonardo, però, ha quasi voluto fare una prima stesura del suo te­stamento: «La cosa più positiva della mia gestione è stato l’ottimo rapporto con i giocatori. Tutti, nes­suno escluso. La più brutta? Non credo ce ne sia una. Ritengo che le cose siano brutte quando le vivi male e quest'anno io ho cercato di stare bene sempre. Una bella soddi­sfazione? Credo che le possibilità di vedere Borriello ai Mondiali siano alte. E’ maturato tanto e quest'anno è riuscito a dare tutto quello che ha, è diventato un giocatore completo».

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Rispondi

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <b> <br>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Maggiori informazioni sulle opzioni di formattazione.

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160