Rispondi al commento

user warning: Table 'c109agcalcio.d6_wysiwyg' doesn't exist query: SELECT * FROM d6_wysiwyg in /var/www/sites/all/modules/wysiwyg/wysiwyg.module on line 538.

Donadoni: «Parma, dobbiamo correre di più»

in

PARMA - Prima del match con la Lazio Roberto Donadoni aveva lasciato la squadra libera di passare la vigilia in famiglia, questa volta ha preferito compattare il gruppo e tornare alla tradizione italica del ritiro pre-partita. È un indizio, abbastanza chiaro, di come la gara di domani sera con il Novara sia cruciale per la stagione del Parma. Lo ammette lo stesso tecnico che ieri, giorno di Pasquetta, aveva detto sì anche ad un pranzo in compagnia di giocatori, dirigenti e familiari. Compattare il gruppo è fondamentale in questo passaggio della stagione. "In questo momento ci vuole tanta concentrazione - spiega Donadoni - bisogna correre molto perchè sfidiamo una squadra che vorrà sicuramente fare bottino pieno. Cercheranno di tenere vive le speranze fino alla fine".


CORRERE - Per fare gruppo chiamata speciale anche per il pubblico. Domani allo stadio biglietti gratuiti per bambini, famiglie, donne e, iniziativa speciale voluta dalla società in collaborazione con il Centro di coordinamento dei Parma Club, disoccupati, cassaintegrati, pensionati e lavoratori in mobilità. Tutti uniti per ripartire dopo la gara di Udine che, al di là delle decisioni arbitrali di Gava che non sono piaciute in casa gialloblù (la mancata espulsione di Pereyra per fallo su Giovinco), è stato sicuramente un passo indietro pesante in classifica. "Ci sono aspetti negativi da correggere e migliorare, e aspetti positivi che vanno conservati - spiega il tecnico ducale - la squadra ha cercato di recuperare uno svantaggio, ma deve mantenere con maggiore costanza la ferocia durante i novanta minuti. È un problema comune a molti ed è difficile da eliminare, però abbiamo visto che durante tutte le gare disputate è sempre fondamentale l'atteggiamento, e lo ripeto: bisogna essere concentrati e correre di più".


MENTALITA' - Lavorare quindi sulla mente prima che su schemi e moduli. Perchè in questa fase della stagione "la tattica viene solo dopo - spiega Donadoni - non è tanto importante chi scende in campo, ma con quale mentalità: chiunque giocherà vorrà riscattare un risultato, quello di Udine, che guardando le prestazioni è stato ingiusto". Parole che fanno capire come Donadoni cambierà molto poco rispetto al match di soli tre giorni fa. Oltre all'impiego di Santacroce in difesa al posto dello squalificato Paletta, l'unica novità potrebbe essere Modesto sulla sinistra al posto di Gobbi e, meno probabile, di Morrone a centrocampo. Alla fine sono solo dettagli che l'allenatore probabilmente deciderà solo dopo la seduta di rifinitura in mattinata

Fonte: 

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Rispondi

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <b> <br>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Maggiori informazioni sulle opzioni di formattazione.

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160