Rispondi al commento

user warning: Table 'c109agcalcio.d6_wysiwyg' doesn't exist query: SELECT * FROM d6_wysiwyg in /var/www/sites/all/modules/wysiwyg/wysiwyg.module on line 538.

«Rabbia Mancini: vuole che Balotelli smetta di fumare»

in

ROMA -
«Balotelli smetti di fumare». «No mister, non si preoccupi, non posso farne a meno». Deve essere andato più o meno così il colloquio tra Roberto Mancini, manager del Manchester City e Mario Balotelli, attaccante dei Citizens in merito alla brutta abitudine che l'ex Inter ha assunto negli ultimi tempi. La stampa inglese rivela come l'allenatore abbia più volte chiesto a Super Mario di mettere da parte il tabacco ricevendo sempre un secco no dal giovane azzurro. Cinque sigarette al giorno sono evidentemente un lusso troppo importante per "Balo" che non ha alcuna intenzione di rinunciare al fumo nelle sue serate glamour. Ad evidenziare il vizio alcuni scatti che la stampa inglese non ha tardato a pubblicare su siti e tabloid. Tema principale delle foto in questione: Balotelli immortalato con in mano una sigaretta e accanto l'immancabile bellezza di turno. Le parole di Mancini, a domanda precisa di alcuni giornalisti sull'argomento, sono state altrettanto chiare: «Sì lo so che fuma, sono a conoscenza di questa sua abitudine. Per me è una cosa che non va bene, ma non sono suo padre o sua madre. Se fosse stato mio figlio lo avrei preso a calci nel sedere, ma non è mio figlio. Gli ho già ripetuto più volte che sarebbe meglio se smettesse. Sono sempre stato e sarò sempre contro questo vizio. Proprio per questo mio figlio non fuma. In ogni caso credo ci sono giocatori, sia in Italia che qui in Inghilterra, che fumino regolarmente. In realtà non credo ne fumi molte, cinque o sei al giorno, ma gli ho già ripetuto che non va bene e che deve smettere». 


LA SFIDA CONTRO IL SUNDERLAND, IL DUELLO CON LO UNITED - Mancini in ogni caso non è preoccupato che questa cattiva abitudine possa mettere in pericolo le prestazioni di Mario sul campo ed infatti è atteso in campo per la prima sfida dell'anno contro il Sunderland, match che chiuderà il programma della diciannovesima giornata di Premier League. È una partita fondamentale per il City considerando che il Manchester, qualora pareggiasse o vincesse  nella sfida casalinga contro il Blackburn lo supererebbe in classifica. Attualmente le due squadre sono appaiate a quota 45 in una sfida appassionante che da parecchi anni non si vedeva nel massimo campionato inglese. Da questo punto di vista Mancini è stato molto chiaro: «Fino ad ora abbiamo fatto tantissimi punti e non sarà facile proseguire su questo ritmo per il resto della stagione. Noi, lo United e il Tottenham stiamo disputando una stagione fantastica ma se vogliamo lottare per il titolo dobbiamo scendere sul campo e cercare sempre di vincere perché è proprio quello che faranno la squadra di Ferguson e Redknapp».


Fonte: 

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Rispondi

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <b> <br>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Maggiori informazioni sulle opzioni di formattazione.

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160