Rispondi al commento

user warning: Table 'c109agcalcio.d6_wysiwyg' doesn't exist query: SELECT * FROM d6_wysiwyg in /var/www/sites/all/modules/wysiwyg/wysiwyg.module on line 538.

Marino nega: «Mai stato contattato dal Palermo»

in

ROMA, 30 agosto - «Non sono mai stato contattato dal Palermo, ho letto qualcosa ma direttamente non ho sentito nessuno». Queste le parole dell’allenatore Pasquale Marino ai microfoni di Radio Manà Manà Sport, durante la trasmissione ‘C’è calcio per te’. «Penso che Pioli alla fine rimarrà al Palermo, ho fatto il corso con lui a Coverciano, è preparato. Ci vorrà solo un po’ di tempo per costruire un nuovo gruppo. Qualche contatto quest’estate con Siena e Lecce c’è stato ma non se n’è fatto niente. All’estero? Prima dovrò imparare la lingua», sottolinea con una battuta il mister. L’ex tecnico del Parma ha poi dato il suo parere su alcuni colleghi alle prese con nuove avventure professionali: «La scelta della Roma di Luis Enrique? Ha idee ottime, ma non è facile cambiare la mentalità e un sistema di gioco in così poco tempo. Ha tutte le carte in regola per riuscirci, le idee sono giuste perché il tifoso vuole vedere il bel calcio a patto, però che ci sia concretezza che arriva solo col tempo. Conte? Il suo è un 4-4-2 più offensivo. La differenza più che nei numeri è nell’atteggiamento, perché si cerca sempre alla fase d’attacco a patto che ci siano gli interpreti giusti. Gasperini? Le polemiche con Moratti non mi preoccupano, ho visto il Presidente (ad una premiazione ndr) e mi è sembrato tranquillo. L’Inter in questo momento sta cambiando, ringiovanendo l’organico. Però sono sempre competitivi con Forlan insieme a Pazzini e Milito abili e arruolabili già dall’inizio e non come l’anno scorso. La loro esperienza e mentalità permetterà all’Inter di rimanere ai grandi livelli».


Marino ha approfondito anche la questione riguardante le squadre romane: «La gestione di Zarate? Reja sono sicuro che saprà gestire questa situazione ma da fuori è un difficile dare un giudizio. La cosa più importante nel calcio è la squadra, non il singolo ma questa è una regola che vale per tutti. La Lazio si è rafforzata bene sul mercato, Cissé è un grandissimo giocatore e Klose è un gran colpo. Lì davanti c’è l’imbarazzo della scelta. Sulla Roma c’è molta curiosità sulle idee del nuovo allenatore e come verranno inseriti i nuovi acquisti. Il loro progetto è quello più intrigante».


Sta per finire il calciomercato, e secondo Pasquale Marino «il Napoli si è mosso bene, allargando l’organico in funzione della Champions. L’alternanza è importante. Il Milan ha puntellato bene la squadra, l’Inter nonostante qualche cessione ha fatto buoni acquisti per lottare per lo Scudetto. La distanza tra il Napoli e le altre però si è accorciata. La Roma ha cambiato tanto, mentre la Lazio può migliorare l’ottimo campionato dell’anno scorso diventando ancora più competitiva. Poi c’è la mina vagante Juventus che si può inserire nella qualificazione per la Champions».

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Rispondi

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <b> <br>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Maggiori informazioni sulle opzioni di formattazione.

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160