Rispondi al commento

user warning: Table 'c109agcalcio.d6_wysiwyg' doesn't exist query: SELECT * FROM d6_wysiwyg in /var/www/sites/all/modules/wysiwyg/wysiwyg.module on line 538.

Conte: Juve, sono contento ma c'è molto da lavorare

in

TORINO, 29 luglio - Una Juve che gioca bene, diverte e migliora a vista d’occhio. La partita contro il Chivas ha regalato ad Antonio Conte nuove certezze: «Sono contento perché nonostante avessimo giocato due giorni fa, pur cambiando quasi tutta la squadra, c’è disponibilità desiderio di applicare l’idea di gioco da parte di tutti e credo che i ragazzi siano entusiasti di giocare questo tipo di calcio. Ci sono state delle combinazioni e delle giocate che hanno fatto divertire il pubblico e che hanno portato a mettere l’umo davanti alla porta. Si deve lavorare e tanto, ci sarà da sacrificarsi e che la strada è lunga e difficile, ma con questa voglia si potranno fare cose importanti».


DUE VITTORIE CONVINCENTI - La tournée si chiude con due vittorie e con la consapevolezza di aver gettato le basi per costruire un gruppo solido e convinto dei propri mezzi: «Il bilancio è positivo - analizza il tecnico - Abbiamo giocato gare con avversari di valore internazionale, stiamo recuperando giocatori come De Ceglie e Quagliarella e vedo un carattere che mi fa ben sperare».


QUAGLIARELLA - È stato Fabio Quagliarella a scrivere la parola fine alla tournée della Juventus. E lo ha fatto a suo modo, con un gol che scaccia mesi di sofferenza lontano dal campo: «Per me ogni partita è un passo in avanti verso la miglior condizione fisica e il liberarmi la mente dall’infortunio. Oggi ho preso anche una ginocchiata nel punto in cui mi sono fatto male. Paura? Ho perso dieci anni di vita in due secondi... però mi ha fatto bene, perché giocare e prendere colpi e il modo migliore per scacciare i timori». Contro il Chivas la Juve ha dato l’impressione di iniziare ad assimilare i dettami di Conte: «In questi giorni abbiamo lavorato molto per migliorare la condizione fisica e l’applicazione degli schemi - spiega Fabio - Dobbiamo trovare l’intesa e mettere in pratica quanto ci chiede il mister. Noi attaccanti dobbiamo cercarci il più possibile per mettere in difficoltà gli avversari. Oggi ci abbiamo provato e a tratti ci siamo riusciti, contro una squadra che correva molto. Anche noi abbiamo speso parecchio, ovviamente per quanto avevamo nelle gambe. Il mister vuole possesso palla e che ci si diverta. Più passano i giorni, più riusciamo a farlo e in questo modo si corre anche meno, perché la palla l’abbiamo sempre noi».


BARZAGLI - Due vittorie contro squadre già rodate che hanno iniziato il proprio campionato. Due vittorie con la rete inviolata. La Juve fa progressi e si vedono anche nella fase difensiva. Segno che il duro lavoro cui si sono sottoposti i bianconeri, non solo a Bardonecchia, ma anche in America, sta dando i suoi frutti: «All’inizio abbiamo patito molto caldo a Philadelphia - Spiega Andrea Barzagli - ma con il passare dei giorni è migliorata la temperatura e siamo riusciti a lavorare su quanto ci chiede il mister e stiamo migliorando di volta in volta. Noi centrali dobbiamo cercare di gestire di più la palla e non buttarla via, anche se ovviamente il compito principale è difendere. Il modulo è divertente, ma quello che conta è che porti risultati e quelli stanno arrivando».


Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Rispondi

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <b> <br>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Maggiori informazioni sulle opzioni di formattazione.

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160