Rispondi al commento

user warning: Table 'c109agcalcio.d6_wysiwyg' doesn't exist query: SELECT * FROM d6_wysiwyg in /var/www/sites/all/modules/wysiwyg/wysiwyg.module on line 538.

Piersilvio Berlusconi: Milan, il sogno è avere Iniesta

in

MILANO, 1 luglio - Andrés Iniesta è il grande sogno di Pier Silvio Berlusconi per il Milan. Il figlio del patron rossonero e vicepresidente di Mediaset quando parla lo fa sempre da tifoso, ma le sue 'passioni' non restano inosservate in via Turati. Ecco perché quando mercoledì notte ha lodato il fuoriclasse del Barcellona, le sue frasi hanno fatto un certo scalpore. Padrone di casa alla presentazione dei palinsesti autunnali dell'azienda di Cologno Monsese, una serata di gala in cui sono sfilate molte stelle della tv, Berlusconi junior ha annunciato «una crescita stimata dei ricavi di Mediaset Premium del 20%», ha parlato di 4,4 milioni di tessere attive (2 milioni sono scadute ieri) e, dopo aver pizzicato Sky e Rai sulle scelte di mercato tv e sugli ascolti, ha lanciato le nuove vantaggiose offerte di calcio di Mediaset. E il Milan? La sua passione l'ha lasciata alla fine.


Berlusconi, si parla molto di mercato e di nuovi acquisti per il Milan. Lei ce l'ha un so­gno?


«Se si parla di sogni non ho pro­blemi a dire che il mio è Iniesta, un centrocampista da Pallone d'Oro che gioca in una squadra fantastica. Il Barcellona da metà campo in su è una formazione da favola e buona parte del merito è proprio di Iniesta».



Hamsik, invece, può diventare qualcosa in più di un sogno?


«Di questa trattativa, sono since­ro, non so niente anche perché il Milan è già una squadra equili­brata e forte. Certo non nascondo che Hamsik è un giocatore di spessore e che farebbe comodo a qualsiasi formazione perché è un centrocampista in grado di deci­dere un incontro in qualsiasi mo­mento. Chi non lo vorrebbe?».


Hamsik potrebbe colmare il vuo­to lasciato da Pirlo?


«Può darsi».


Lei Pirlo lo avrebbe lasciato par­tire a parametro zero?


«Parlando con il cuore no, ragio­nando con la testa sì».



Favorevole o contrario a un ri­torno di Kakà al Milan?


« Io sono fatto a modo mio e ai grandi ritorni non credo molto. Quindi...».


Meglio dunque concentrarsi su chi c'è, per esempio su Pato, un giocatore... di famiglia.


«Pato è fortissimo, davvero».



Rimarrà al Milan a vita?


«Meglio non dire a vita, però...».


Ma come si fa a vendere un calcia­tore che è quasi un... parente visto il fidanzamento con sua sorella?


«Come quasi? Per me è praticamen­te già un parente. Adesso è più dif­ficile venderlo».



Leggi l'intervista completa sull'edizione odierna del Corriere dello Sport-Stadio


Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Rispondi

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <b> <br>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Maggiori informazioni sulle opzioni di formattazione.

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160