Rispondi al commento

user warning: Table 'c109agcalcio.d6_wysiwyg' doesn't exist query: SELECT * FROM d6_wysiwyg in /var/www/sites/all/modules/wysiwyg/wysiwyg.module on line 538.

Il Carlino democratico e vendicativo

Veti incrociati e molta pena

Quello che è successo dopo l'assembrea della Figc, racconta di come la politica della Lnd sia gestita a personam, cioè sugli interessi e simpatie personali.

L'assemblea della Figc ha lasciato strascichi e veleni: come si sa, non sono arrivate le riforme che contano (abolizione diritto di veto e maggiore spazio per la Lega di A nel governo del pallone). "Non c'è democrazia", ha tuonato Giancarlo Abete che di questa situazione, certo, non è l'unico colpevole. Il Carlino presidente della Lnd, (a lui è stata affidata la riforma dello statuto, ma è ben lontano dal riuscirci) adesso ha il dente avvelenato  con Renzo Ulivieri, Presidente dell'assoallenatori che in assemblea si è messo contro di lui. E Tavecchio subito si vendica: la Lega Dilettanti ha mandato una raccomandata a Ulivieri, disdettando l'accordo che prevede l'obbligatorietà degli allenatori in seconda e terza categoria. L''ha deciso il Carlino o il consiglio di presidenza?  (è sempre stato chiamato Carlino fin da piccolo a Ponte Lambro e non come avevamo pensato Carletto) Del resto anche quando spostò i capitali della Lnd da una Banca ad un altra non passò dal Consiglio di Presidenza, lui è fatto così, la forma conta moltissimo se a suo favore altrimenti non esiste, lui è presidente. Ma la sua vendetta continuerà disdettando anche il fondo di solidarietà per gli allenatori, alimentato sempre dalla Lnd.

E adesso i presidenti regionali rilasciano dichiarazioni di felicità perchè dalla prossima stagione le società di Prima e Seconda categoria saranno esentate dall'essere allenate da un tecnico munito da patentino. Insomma a livello tecnico si torna indietro, molto indietro. Le squadre saranno allenate solo da volenterosi, come nel Csi. Viva il Carlino!.

Fonte: 

redazione

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Rispondi

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <b> <br>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Maggiori informazioni sulle opzioni di formattazione.

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160