Rispondi al commento

user warning: Table 'c109agcalcio.d6_wysiwyg' doesn't exist query: SELECT * FROM d6_wysiwyg in /var/www/sites/all/modules/wysiwyg/wysiwyg.module on line 538.

L’Inter va a Madrid per prendere Kakà

in

MILANO, 28 dicembre - Non solo Leonar­do. Oltre che per il neo-alle­natore, quello di domani, in­fatti, sarà il primo giorno ef­fettivo da interista anche per Andrea Ranocchia. Il difen­sore ha già salutato tutti al Genoa e, grazie a un nulla osta identico a quello che ha permesso ad Antonio Cassa­no di volare in Dubai insie­me al Milan, si aggregherà all'Inter subito per la ripresa degli allenamenti alla Pine­tina, prevista per domani po­meriggio. L'ufficialità del­l'operazione invece, arri­verà il 3 gen­naio, ovvero all'apertura del mercato di gennaio. Ciò che più conta, però, è che Ranoc­chia potrà andare in campo con la sua nuova maglia già il 6 gennaio, nel delicato e fon­damentale match contro il Napoli. In ogni caso, nelle prossime ore Inter e Genoa metteranno nero su bianco le coordinate della loro in­tesa e l'opera­zione si chiu­derà sulla ba­se 12,5 milio­ni di euro in contanti: niente con­tropartite tecniche, insomma, a differenza di quanto era stato ipo­tizzato negli ultimi giorni. Anche di Destro se ne ripar­lerà a giugno, ma il club ros­soblù ha ottenuto il diritto di riscatto dell'intero cartellino. In definitiva, Ranocchia co­sterà all'Inter 19 milioni, contro i 5 che Preziosi pagò nell'estate del 2008 per prele­varlo dall'Arezzo. Vela e dire che, in 30 mesi, l'investimen­to si è quasi quadruplicato.


DOPPIA MISSIONE - Per altri eventuali rinforzi, invece, Leonardo dovrà attendere qualche giorno o settimana in più. Il via all'assalto per Kakà, ad esempio, scatterà solo nel momento in cui l'In­ter avrà in mano sufficienti riscontri sulla piena ripresa agonistica del brasiliano. Ec­co perché si sta già allesten­do una doppia missione per le prime due gare del 2011 del Real Madrid. La prima sarà in casa del Getafe (solo 10 km fuori da Madrid), il 3 gennaio, l'altra contro il Le­vante, il 6. Più probabile che Kakà riassaggi il campo nel secondo match, visto che si tratta di Coppa del Re. In en­trambe le occasioni, comun­que, ci sarà un emissario in­terista sugli spalti, con il compito di stilare una detta­gliatissima relazione sulle condizioni del brasiliano. In merito al possibile e clamo­roso trasferimento, sono in­tervenuti sia Ernesto Bron­zetti, agente Fifa e amico di Florentino Perez, apparso decisamente freddo («Non riesco proprio a immaginare un affare del genere e co­munque ci sarebbe anche il Chelsea», ha detto a Sky), e Gaetano Paolillo, uomo di fi­ducia di Kakà in Italia, di­mostratosi invece deci­samente più possibilista: «Difficile da dire se il pas­saggio all'In­ter possa es­sere un problema per lui. Pensava di restare tutta la carriera al Milan e poi è an­dato al Real: dunque del fu­turo non c'è certezza... », ha raccontato a 'Radio Sporti­va'. Il club nerazzurro, co­munque, ha la preziosa carta Leonar­do da gioca­re. E, tra i due brasilia­ni, oltre a una solida amici­zia, intercor­rono pure rapporti d'affari, che rendo­no frequenti e regolari i con­tratti.


GRANDI MANOVRE - In corso Vittorio Emanuele, il proget­to- Kakà prevederebbe uno sbarco alla Pinetina in pre­stito, con riscatto da conclu­dere soltanto la prossima estate. L'alternativa, soprat­tutto nel caso in cui le condi­zioni fisiche del brasiliano non offrissero certezze, sa­rebbe rimandare l'affare alla prossima estate. In questo caso, l'Inter potrebbe comun­que puntare, per l'immedia­to, su un rinforzo low-cost in attacco. Branca e Ausilio stanno per chiudere l'acqui­sto del franco-olandese del Feyenoord, Castaignos, ma si tratta più che altro di un in­vestimento in prospettiva. Mentre l'Udinese continua a mostrare una certa resisten­za a privarsi già a gennaio del cileno Sanchez, soprat­tutto con la formula del pre­stito con diritto di riscatto. Diverso il discorso, invece, se l'Inter inserisse nell'affare le giuste contropartite tecni­che.

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Rispondi

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <b> <br>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Maggiori informazioni sulle opzioni di formattazione.

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160