Rispondi al commento

user warning: Table 'c109agcalcio.d6_wysiwyg' doesn't exist query: SELECT * FROM d6_wysiwyg in /var/www/sites/all/modules/wysiwyg/wysiwyg.module on line 538.

Sciopero calciatori, domani scade l'ultimatum

in

MILANO, 29 novembre - Se domani dovesse fallire un ultimo tentativo di accordo con la Lega di serie A mediato dalla Federcalcio, l' Assocalciatori è pronta a proclamare la sospensione del massimo campionato di calcio per la giornata in programma l'11 e il 12 dicembre. È quanto si apprende mentre è in corso a Milano un direttivo dell'Aic convocato proprio sul tema del negoziato per l'accordo collettivo.


DOMANI ULTIMATUM SCIOPERO - Nei giorni scorsi l'Assocalciatori aveva posto il 30 novembre come ultimatum scaduto il quale si sarebbe riservata di proclamare una giornata di sciopero. Sempre secondo quanto si apprende, i vertici dell'Aic si attendono una convocazione per domani dal presidente della Federcalcio, Giancarlo Abete, che dovrebbe presentare al sindacato dei giocatori e alla Lega di serie A un testo dell'accordo collettivo che sia sintesi delle richieste delle due parti. Il direttivo è stato allargato ai rappresentanti di tutte le squadre di serie A e tra gli altri hanno partecipato i milanisti Seedorf e Ambrosini, Di Natale dell'Udinese, Del Vecchio e Mascara del Catania.


CAMPANA, 11-12 DICEMBRE DATA PER EVENTUALE SCIOPERO - «Se ci dovesse essere uno sciopero, la data eventualmente possibile sarebbe quella dell'11-12 dicembre». È quanto fa sapere il presidente dell'Aic, Sergio Campana, secondo cui il possibile stop al campionato è legato ad un documento «definitivo» preparato dalla Federcalcio che «che entro domani dovrebbe arrivare. La federazione avrebbe intenzione di porre questo documento all'attenzione delle parti e dovrebbe essere controfirmato dalla Lega». Quante possibilità ci sono per cui lo sciopero venga proclamato? «Non do percentuali, non siamo contenti di doverlo prendere in considerazione. Se il documento non arriva faremo una relazione precisa e saranno i giocatori a decidere. La Lega - ha spiegato Campana a 'La politica nel pallone-Gr Parlamento' - sta seguendo una strategia politica e non contrattuale, vuole togliere i diritti acquisiti dai calciatori. Su due punti non intendiamo trattare, quello che riguarda i fuori rosa e quello relativo alla possibilità di rifiutare un trasferimento. La Lega pretende che i giocatori non possano rifiutare un trasferimento».


Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Rispondi

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <b> <br>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Maggiori informazioni sulle opzioni di formattazione.

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160