Totti: La Roma mi piace, possiamo fare grandi cose

in

ROMA, 3 agosto - Parigi val bene una promessa. Quella di Francesco Totti, «questa è una Roma che può fare grandissime cose», pa­role dette con un sorriso, all’imbarco del charter che ha riportato la Roma a casa dopo il doppio impegno nella capitale fran­cese. Imbarco dove il capitano giallorosso si è presentato appesantito da buste griffa­te, scarpe e borse, indirizzo di Champs Elyseès, roba da carte di credito color oro, «ho fatto un regalino a Ilary» dice con quel sorriso che è uno dei suoi marchi di fabbri­ca. «Ci sono le premesse per una stagione super Ad Adriano serve solo tranquillità: sa vincere le partite da solo» «Sto bene, molto bene Voglio dimostrare che Totti è ancora Totti: se la salute mi assiste, ci divertiremo tanto...».



SEGNALI - Gli è piaciuta la Roma che ha vi­sto in campo contro il Bor­deaux e il Psg, due dei mi­gliori club francesi, pronti a esordire tra una settimana in campionato. La squadra giallorossa tutto ha fatto meno che sfigurare, due pa­reggi che non sono serviti a vincere il torneo di Parigi, ma che al capitano romani­sta hanno dato risposte im­portanti su se stesso e sulla Roma: «Siamo a buon pun­to, lo abbiamo dimostrato in campo. Soprattutto abbia­mo dimostrato di essere in crescita sotto tutti i punti di vista, a cominciare dalla condizione atletica. E que­sta è la risposta più importante che una squadra deve avere durante il periodo di preparazione. È una Roma che mi convin­ce sempre di più. Ci sono tutte le premes­se per una grande stagione. Va considera­to, poi, che ci mancano ancora tanti gioca­tori importanti. Con tutto il rispetto per quelli che già ci sono, gente come De Ros­si, Pizarro, Juan, Adriano, Simplicio, Doni, Baptista, oltre al possibile arrivo dei due fratelli Burdisso, rappresentano tanta ro­ba. Saremo pronti per la sfida di Super­coppa il prossimo ventuno agosto a San Si­ro contro l’Inter. Una sfida che vogliamo sia la prima di una stagione in cui voglia­mo ribadire il ruolo di una Roma protago­nista. Non ci manca nulla per esserlo».


Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna del Corriere dello Sport-Stadio


Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160