Toni, svincoli, e sprechi: l'arroganza senza fine di Tavecchio.

Lo svincolo sportivo va rivisto.

Ormai non si trattiene davanti a nulla, zero rispetto per chi rappresenta il nostro paese al parlamento europeo, zero rispetto per chi esprime un parere diverso dal suo. Davanti ad un'interrogazione parlamentare il collinare ragionier Tavecchio presidente nazionale della LND, nonchè commissario serieD, e per carità vice presidente vicario della Figc e soprattutto amministratore unico della LND servizi srl , non argomenta ma riesce a dichiarare che "non condivide i toni e i contenuti dell’iniziativa europarlamentare tesa alla verifica della conformità della normativa in materia di vincolo sportivo in ambito dilettantistico alla luce del diritto comunitario". Ormai si limita a dichiarare che se i toni non sono riverenti sono inopportuni. Il problema è che il sommo ragioniere mentre ha avuto una crescità professionale ammirevole, non è stato in grado di crescere in egual misura sotto l'aspetto umano. A volte il potere dà alla testa. Adesso rigetta qualsiasi contestazione, qualsiasi domanda. E' convinto di essere in una torre d'oro inespugnabile....  Nel frattempo organizza le feste da ballo (un coreografo per la serata le ali della vittoria) con i soldi delle società dilettantistiche. A proposito: quanto era necessario ricorrere a risorse esterne (costose) invece che utilizzare l'ufficio marketing che da sempre ha organizzato tale evento? Forse solo per il piacere dello spreco? Che ebrezza sperperare il denaro altrui. Forse per auto acclamarsi? E allora avanti il 30 novembre tutti al Teatro Olimpico a ballare il tuca-tuca.

Fonte: 

redazione

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Commenti

il ragionier prostata e l'architetto alzaimher al grande ballo del tuca tuca

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160