Tare: «Zarate ha fatto di tutto per andare all'Inter»

in

ROMA, 1 settembre - Mauro Zarate voleva andare all'Inter, non è vero che alcuni compagni volevano che partisse, e i tifosi devono capire che la Lazio ha cercato di agire per il meglio. Questa in sintesi la posizione che la società biancoceleste, attraverso il direttore sportivo Igli Tare, ha espresso in merito alla cessione del giocatore argentino, non apprezzata dai tifosi. "Capisco i tifosi della Lazio perchè anche per me, che ho avuto modo di lavorare con Zarate per tre anni, è difficile vederlo andare via. Si creano dei rapporti, dei sentimenti, ma purtroppo non fanno parte del mondo del calcio. Posso accettare che i tifosi si sentano traditi, ma la cosa fondamentale è prendere delle decisioni e fare delle scelte per il bene della causa che resta la società, anche perchè la cosa che la gente ama di più è la Lazio".


L'OPERAZIONE - In merito al fatto che il prezzo fissato per il riscatto, se l'Inter dovesse esercitarlo, è inferiore a quello d'acquisto, Tare ha spiegato che "dipende dal momento che sta passando il calcio, che non ti consente di chiedere quello che vorresti. Inoltre, se tu vendi Zarate nel suo migliore momento - ha aggiunto il ds - è un conto, altrimenti è ben diverso. Vorrei invitare i tifosi a rimanere vicino alla società e alla squadra perchè penso che potremmo toglierci delle soddisfazioni". L'argentino cercherà ora di rilanciarsi con l'Inter. "La speranza non solo sua ma anche nostra è che torni quello del primo anno alla Lazio - ha confessato Tare -. Le voci che sono uscite riguardo a gruppi di giocatori che non lo volevano, sono tutte falsità. La società prende le decisioni di comune accordo con l'allenatore, ma assolutamente non per i giocatori. Il rapporto con la squadra non è mai stato negativo, ma ci sono delle regole e vanno rispettate da tutti. Quando, ad esempio, Zarate arriva in sovrappeso in ritiro, allora va contro le regole. Come ha confermato anche lui stesso, ha fatto di tutto e di più per andare via. Tenere giocatori controvoglia non è produttivo. Mi ha fatto piacere invece che giocatori come Ledesma o Radu abbiamo deciso di rimanere nonostante offerte economicamente più vantaggiose di altre squadre".


IL FUTURO - L'obiettivo della Lazio resta quello di migliorare il risultato dell'anno scorso: "Vogliamo fare meglio della stagione passata anche se non sarà semplice visto che tutte le grandi squadre hanno cercato di migliorarsi in questo mercato - ha concluso - Noi abbiamo fatto lo stesso e gli acquisti sono tutti di grande esperienza e di grande personalità. L'alto numero dei giocatori in rosa poi non sarà un problema perchè la stagione è lunga e ricca di impegni e credo che alla fine troveranno spazio tutti".


Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160