Solbiatese - CaronneseTurate: 1-1

in
protagonista la terna arbitrale

Campo ghiacciato (al limite del praticabile) quello della Solbiatese in questa domenica "sottozero". Il match è comunque stato ricco di azioni e anche il direttore di gara con i suoi assistenti sono stati tra i protagonisti in negativo di una partita tutta da vivere dall'inizio sino alla fine. Al 2' apre le danze Termine con un bel cross a centro area per Corno che infila un tiro diagonale che termina a fil di palo. A 13' Corno serve Damiano che dal limite calcia sul fondo. Al 16' i locali lamentano un fallo di mano in area darigore di Dell'Aera ma l'arbitro lascia correre. Al 18' Ricci mette al centro per Schiavano che calcia al volo sul secondo palo ma Chiodi è pronto a respingere d'imperio. Al 25' fallo di Cretaz in area insubrina: per De Meo di Foggia è rigore. Dagli undici metri si presenta Casiraghi che viene dapprima respinto da Chiodi e successivamente manda fuori a porta sgombra.
Al 32' si segnala una bella azione della CaronneseTurate con una combinazione veloce tra Corno, Cretaz e Comi con quest'ultimo che si divincola in area e costringe il numero uno di casa alla diffiicle respinta. Al 39' c'è un chiaro fallo da rigore su Corno che inspiegabilmente viene negato dall'arbitro: vane sono le evidenti proteste della panchina e del pubblico insubrino. Al 41' la Solbiatese passa in vantaggio con un colpo di testa di Demasi che sfrutta un'azione in contropiede della squadra diretta da Mister Ramella. Nella ripresa gli uomini di Cesana non demordono. Ancora al 19' continua senza soste la sagra dei rigori non concessi: è ancora la CaronneseTurate a lamentare un tiro di Corno che viene nettamente "parato" in area da un difensore dei locali.
Si continua al 21' con un bel tiro di Mosca che Chiodi respinge. Al 25' Cretaz, su punizione, manda alto sopra la traversa. Al 27' Galli, spinto da Mezzotero, calcia scoordinato sulla linea di porta. Al 32' su punizione di Galli è ancora Corno a svettare di testa costringendo il portiere a mettere in angolo. Al 40' arriva il pareggio dell'Insubria: ottimo Cretaz dal limite che libera Corno in area che insacca di prepotenza: 1-1. Al 45' l'ultimo lampo della partita: tocca ancora a Cretaz lanciare il giovane Comi in area che da pochi metri calcia in porta un tiro insidioso. L'estremo difensore avversario salva il risultato.

Fonte: 

C.S di Fabrizio Volontè

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160