Santana avvisa: «Non firmo in bianco come Del Piero»

in

FIRENZE, 31 marzo - «Non so ancora dove giocherò l'anno prossimo ma la mia priorità va alla Fiorentina. Mi piacerebbe restare, ma non sono disposto a firmare in bianco, questo lo può fare Del Piero che ha 37 anni e in carriera ha fatto tanto, non io che ho ancora voglia di dimostrare il mio valore. E mi piace sentire che un club mi vuole». Così Mario Alberto Santana parla del suo futuro: ha il contratto in scadenza a giugno. Le manovre sul rinnovo sono iniziate da tempo anche se ad ora le posizioni si mantengono distanti come ammesso di recente da Andrea Della Valle mentre l'argentino sarebbe già nel mirino di Napoli, Roma e diversi club spagnoli. «Non so nulla anche perché non parlo col mio procuratore da due mesi, voglio avere la testa libera per finire alla grande la stagione poi deciderò - ha risposto Santana - Un'esperienza all'estero? A me piacerebbe restare qui. Non sono deluso da questa società che mi è sempre stata vicina durante i tanti infortuni però non so perchè si è aspettato di arrivare in scadenza».


DURATA - Il nodo riguarderebbe la durata del nuovo accordo che lui vorrebbe almeno triennale: «Ho 30 anni, questo sarà il mio ultimo contratto importante, la durata conta più dell'aspetto economico». Intanto Santana, che coi compagni si sta preparando per la trasferta di Cesena (oggi partitella a porte chiuse con la selezione Monte dei Paschi Siena che raduna i migliori talenti dilettanti nazionali) si gode l'attuale stagione dopo i tanti infortuni di questi anni: «Ora sono felice, sto dimostrando cosa posso dare al gruppo. Possiamo ancora andare in Europa League e riuscirci, per tutto quanto patito finora, varrebbe più di un posto in Champions».



COPPA ITALIA PRIMAVERA - Intanto nel clan viola c'è tanta soddisfazione per la vittoria della Coppa Italia ottenuta dalla Primavera ieri sera contro la Roma all'Olimpico, secondo trofeo della gestione-Della Valle dopo lo scudetto Allievi Nazionali di due anni fa. Una vittoria che ha portato grande entusiasmo come dimostrano anche i messaggi di congratulazioni fatti pervenire da Diego e Andrea Della Valle, quest'ultimo atteso domani a Firenze: «La dedica è per la società e i tifosi - ha detto il responsabile dell'area tecnica della Fiorentina Pantaleo Corvino, decimo titolo personale nel calcio giovanile in 16 anni di carriera - È stata una vera impresa per giunta in uno stadio come l'Olimpico, davanti a 25.000 spettatori e contro un avversario come la Roma. Tra i nostri Primavera ci sono molti elementi che hanno le potenzialità per arrivare lontano».


Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160