Rossi-Matri, l'Italia vince in Ucraina. Chiellini ko

in

KIEV, 29 marzo - Dopo i tre punti in Slovenia, la Nazionale di Prandelli vince anche l'amichevole di Kiev contro l'Ucraina tornando a casa con qualche certezza in più. Il 2-0 finale è firmato da Rossi e Matri, ma non mancano anche le ombre: Chiellini esce infortunato dopo 15', mentre Astori lascia gli azzurri in 10 nel finale per doppia ammonizione.


APRE ROSSI - In avvio di gara Prandelli sceglie una formazione equilibrata, con Gilardino (fascia di capitano sul braccio) e Rossi in attacco. A centrocampo gli juventini Aquilani e Marchisio sono supportati da Nocerino e Montolivo. Gli azzurri soffrono l'aggressività dei padroni di casa, che colpiscono subito un palo esterno dalla distanza con Rakitskiy. Al 15' brutto colpo per Prandelli: si ferma Chiellini. Il difensore bianconero è costretto a lasciare il campo per una fitta al quadricipite. Al suo posto entra Astori. Con il passare dei minuti l'Italia prende comunque coraggio e al 27' va in vantaggio con Rossi, bravo ad aprofittare di un rimpallo favorevole in area ucraina e a battere sul tempo Shovkovskiy.


LA FIRMA DI MATRI - Nella ripresa Prandelli sfrutta i cambi a disposizione. Dentro Santon, Giovinco e Matri. Fuori Maggio, Aquilani e Rossi. Il ritmo della gara cala sensibilmente rispetto ai primi 45'. L'Italia gestisce bene il gioco, senza rischiare più di tanto in difesa. Anzi, sfiora il raddoppio con Gilardino. Alla mezz'ora, però, Astori viene espulso per doppia ammonizione. Prandelli corre ai ripari inserendo Bonucci per Gilardino, poi Parolo per Marchisio. Gli azzurri reggono e al 36' trovano il raddoppio con Matri, servito da un bellissimo assist di Giovinco. L'Ucraina tenta di reagire e va anche a segno, ma l'arbitro annulla per fuorigioco la rete di Devic.


Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160