Roma, la Sensi deferita per le accuse a Russo

in

ROMA, 30 settembre - Il presidente della Roma Rosella Sensi è stata deferita dal procuratore della Federcalcio alla Disciplinare per aver «adombrato dubbi sull'imparzialità e sulla buona fede degli ufficiali di gara e sulla regolarità del campionato a causa dell'operato degli arbitri» dopo Brescia-Roma.
 

LA MOTIVAZIONE - Le accuse del massimo dirigente giallorosso all'arbitro Carmine Russo sono state giudicate «lesive della reputazione della classe arbitrale (...) e delle istituzioni federali». Rosella Sensi aveva parlato di "vergogna", aveva detto che «oramai arbitrano anche i ciechi» e aveva invitato Lega e Federcalcio a intervenire perchè a suo dire il presidente Aia Nicchi e il designatore di A Braschi non erano più in grado di affrontare la 'questione' arbitrale. Per responsabilità diretta è stata deferita anche la Roma.


Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160