Ranieri: «Sento fiducia Guardiola? Tanti da Inter»

in

MILANO - Ranieri alla vigilia della partita con il Napoli durante la conferenza stampa ad Appiano Gentile.


Ranieri, la sconfitta di Marsiglia, dopo una bella prova, è lo specchio del momento no dell'Inter?

La squadra mi è piaciuta e i giornali francesi hanno scritto che la vittoria del Marsiglia è stata una rapina. Il gol è stata una mazzata tremenda e sono contento della prova dell'Inter, sotto il profilo del carattere e della determinazione. Possiamo girare questo momento negativo.


Quella che sta vivendo è la situazione più anomala della sua carriera?

In effetti in carriera una cosa del genere non mi era mai capitata... Non è la più complicata, ma sicuramente è anomala. In classifica però siamo a -1 dal Napoli e in corsa per la qualificazione alla Champions League. Dobbiamo riprendere il nostro cammino perché veniamo da una serie di risultati negativi. Contro il Marsiglia, una formazione che non perde da novembre, però la prova è stata buona.


Come ha preso le parole di Moratti?

Mi ha detto che la prova di Marsiglia gli è piaciuta ed è sereno. Vuole una grossa reazione a Napoli e gliela daremo.


I suoi “sponsor” in settimana si sono scatenati e dicono che domani potrebbe essere la sua ultima gara sulla panchina dell'Inter. Se lo aspettava?

Io penso ad essere concentrato su domani. Quello della sostituzione dell'allenatore è un gioco italiaco, lo conosco e me lo aspettavo.


E' stato detto che Milito ha preso male il fatto che a Marsiglia si sia scaldato senza entrare. E' vero?

Mi era sembrato strano perché lui ha avuto la febbre che lo ha debilitato la scorsa settimana e così l'ho chiamato per chiederglielo. Mi ha detto: “E' tutto falso, quando ho qualcosa da dire, gliela dico venendo a bussare”. Tutto a posto. Mi ero preso le critiche quando lo schieravo e tutti lo volevano in panchina e mi sembrava strano che adesso fosse scontento.


A Marsiglia nel finale vi è mancata un po' di convinzione per provare a vincere?

Soltanto insistendo si può fare un passo avanti. Questo è un campionato strano e spesso subiamo gol al primo tiro in porta degli avversari. Avremo ragione solo quando riprenderemo a conquistare i tre punti. Sono super contento di tutti i giocatori che sono scesi in campo a Marsiglia.


Napoli può essere la partita chiave per l'Inter?

Noi vogliamo vincere, stop. Riprendendo la marcia che possiamo far bene in campionato. Da Napoli a Napoli, da costa a costa, speriamo che si concluda la nostra sfortuna. Se vinciamo le partite che ci separano dal match di ritorno con il Marsiglia, con lo stadio pieno in Champions League potremmo fare un'impresa.


Sente la squadra vicina a lei?

Io la sento totalmente mia, abbracciata a me e all'Inter. Se non fosse così, però, non ve lo direi.


Che acquisto è stato Palombo che finora ha giocato poco?

Palombo è stato un acquisto che ci serviva perché ci serviva uno con le caratteristiche di Thiago Motta. Quelle caratteristiche le ha anche Stankovic e in questo momento ho preferito mettere uno che conoscesse meglio l'ambiente Inter come Stankovic.


Cambiasso non dà il meglio davanti alla difesa piuttosto che sul centro sinistra nel rombo?

Può essere, ma adesso mi serve sul centro sinistra.


Le è piaciuto Sneijder a Marsiglia?

Ha fatto una partita meravigliosa. Gli ho fatto i complimenti perché non lo avevo mai visto correre così tanto per la squadra. Se si corre tutti, la strada è quella del 4-3-1-2.


Si sente un allenatore a rischio?

No perché so di avere la fiducia della società. So dove ho preso la squadra e dove la sto portando. Più nera di come adesso la situazione non può essere. In fondo al buio c'è sempre la luce.


Guardiola in futuro può essere un allenatore adatto all'Inter?

Ci sono molti allenatori adatti ad allenare l'Inter, l'importante è lasciarli lavorare. Guardiola ha già vissuto l'esperienza italiana, da giocatore, e sa quello che lo attende. Il problema è la pressione: per lui è maggiore adesso a Barcellona, essendo tifoso del Barcellona ed essendo lì da anni. Deve capire quando per lui sarà il momento giusto per lasciare Barcellona. Capito quello può andare da per tutto.


Fonte: 

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160