Ranieri: «Questa Inter ha un grande orgoglio»

in

ROMA - Il tecnico dell'Inter, Claudio Ranieri, ai microfoni di Sky Sport, commenta la vittoria 2-1 in Champions League contro i francesi del Lilla.


Questa è la vittoria più importante?

"Sono tutte importanti, perché ne abbiamo fatte poche (ride, ndr). Abbiamo vinto tre volte in Champions League e questo è veramente importante, perché vogliamo fare bene, ma la cosa che mi è piaciuta di più di questa squadra è stata la grinta, la determinazione, il voler giocare bene. Questa è una squadra che ha grosso orgoglio, grossi sentimenti, per cui non sono finiti, però lo dobbiamo dimostrare partita dopo partita, anche soffrendo anche quando non ce ne sarebbe bisogno".
 

L’errore sotto porta di Milito, ha fatto pensare che avrebbe potuto perdere, da un punto di vista psicologico, un altro giocatore?


"No, vedevo il ragazzo che lottava, che correva. Ci sono dei periodi in cui non ne va bene una, ma ho visto un giocatore che è l’emblema della squadra, l’emblema dei tifosi, che non si è mai dato per vinto, che ha voluto lottare, ha voluto reagire e finalmente è riuscito a far gol".


Qual è la cosa più positiva della partita?


"Dopo la partita con la Juventus, avevo chiesto alla squadra di continuare a lottare, a crederci".


Li hai convinti?

"Sono loro che convincono me per come si allenano, non mollano mai, stanno sempre sul pezzo. Questo è importante per un allenatore, io trasmetto quello che mi trasmette la squadra".


Ancora qualche amnesia difensiva…

"Evidentemente c’è qualcosa che ti fa avere un’agitazione interiore. Spero che piano piano, avendo una continuità nei risultati e nelle vittorie, tutto questo scompaia".

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160