Pisa, Camilli: "Indiani smetta di chiedere rinforzi"

Serie D

"L’allenatore deve far giocare gli uomini che la società gli mette a disposizione: Indiani si ricordi che non siamo al supermercato". Il patron del Pisa Piero Camilli risponde poco diplomaticamente alle richieste del tecnico nerazzurro, il quale ha invocato di recente nuovi rinforzi, specialmente under. "Gli abbiamo messo a disposizione dodici under - dice Camilli a "La Nazione" -. Longo, l’anno scorso era il migliore della nostra Primavera. L’avete mai visto? E Viviano? Non so neppure che fine abbia fatto. Parliamoci chiaro: ci sono giocatori in rosa che erano titolari inamovibili in altre squadre e qui a Pisa non hanno mai messo piede Chiesa è l’esempio più concreto. Indiani pensi a fare l’allenatore se vuol mangiare il panettone. La squadra è forte e lui è un buon tecnico, ma ha pregi e difetti: lo conosco bene. Pensi a mettere in campo i migliori che poi a rinforzare la squadra ci penseremo noi. Pisa deve fare un passo per volta secondo un programma serio e preciso. Qualcuno mi dice: questo o quel giocatore è di Pisa ed è legato ai tifosi. Ma io non ho mai trovato alcun calciatore che abbia accettato un trasferimento rinunciando all’ingaggio. E comunque, al di là del caso specifico di Spinesi, nel mio modo di vedere il pallone non faccio la campagna acquisti come la raccolta delle figurine Panini. La società? E' al completo".  

Fonte: 

S.S.

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160