Nicchi: «Siamo addolorati. Tecnologia? Vedremo»

in

ROMA - «I fatti accaduti in Milan-Juventus ci addolorano. Dopo ciò che è successo c'è poco da aggiungere». Marcello Nicchi, presidente dell'Aia, esterna all'Ansa la sua amarezza per l'arbitraggio del big-match, contraddistinto da errori decisivi e soprattutto da un gol fantasma clamorosamente regolare e invece annullato.


«Ora lasciateci tranquilli - aggiunge Nicchi parlando con l'Ansa dell'arbitraggio di Milan-Juventus -, perchè sono cose che davvero ci addolorano. Siamo i primi a dover riflettere affinchè non succedano più. Chiedo solo di rispettare la nostra amarezza». Nicchi non cita mai direttamente l'arbitro Tagliavento e l'assistente Romagnoli, protagonista delle sviste principali, ma è evidente dal tono e dalle parole che ritiene i loro errori gravi. «L'introduzione della tecnologia in aiuto gli arbitri? Ne parleremo al momento opportuno, adesso bisogna tenere alto il morale di un gruppo che stava facendo bene. È mio dovere preservarne la tranquillità», conclude il presidente dell'Aia.


Fonte: 

Ar

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160