Moratti: «Gli arbitri? Non facciamo le vittime»

in

MILANO - Massimo Moratti a muso duro. Il presidente dell'Inter, durante l'assemblea dei soci e alla vigilia della supersfida con la Juve, è tornato sulle polemiche arbitrali degli ultimi giorni: «Non facciamo le vittime, ma siamo realisti e sappiamo anche quando giochiamo male».


RANIERI E IL MERCATO - Moratti ha poi analizzato il momento nerazzurro, con una classifica che non sorride: «Non sono preoccupato, Ranieri, lo ringrazio, ha restituito serenità, anche se è qui da poco. Ogni allenatore quando si presenta dichiara di saper giocare con vari moduli. Guardando l'Inter da tanto, sappiamo che i giovani hanno bisogno di tempo per esprimersi al massimo. Sia Benitez che Gasperini hanno avuto il supporto totale dei giocatori, voglio chiarirlo, mi spiace sentir dire il contrario. Non mi sono mai tirato indietro, se ci sarà bisogno faremo qualcosa».


STADIO E STRATEGIE COMMERCIALI - Moratti ha anche affrontato altri argomenti: «Starei tutta la vita a San Siro, ma dal punto di vista commerciale l'Italia penalizza il calcio senza stadi di proprietà. "L'Inter andrà di più a livello commerciale in Paesi nuovi, dove siamo conosciuti, lo faremo con simpatia. Uso spesso la parola simpatia, perchè per me vuol dire avere interesse e partecipazione».



L'ASSEMBLEA E IL BILANCIO - Un aumento di capitale sociale pari a 40 milioni di euro, ricavi per 270 milioni, costi ridotti di 50 milioni: sono queste le cifre di Fc Internazionale Milano Spa riunitasi questa sera in assemblea ordinaria e straordinaria. L'organismo ha approvato il bilancio e - come si legge in una nota - al 30 giugno 2011 "i ricavi, che si sono mantenuti su buoni livelli, corrispondono a circa 270 milioni di euro, con plusvalenze pari a 51 milioni". I costi - prosegue la nota -, che hanno avuto una rilevante riduzione di 50 milioni di euro, "si sono mantenuti elevati per gli emolumenti ai calciatori e allo staff tecnico e per gli ammortamenti dei diritti alle prestazioni dei calciatori iscritti a bilancio per 57 milioni di euro". Le perdite, pari a 86 milioni di euro - sottolinea ancora il comunicato - risultano già interamente coperte dalla società. È stato confermato il consiglio di amministrazione con Moratti presidente ed è stato confermato il collegio sindacale per il triennio 2011-2014.


Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160