Montella: «Battiamo la Juve. Grazie DiBenedetto»

in

ROMA, 2 aprile - «Ringrazio DiBenedetto per le belle parole spese e mi fermo qui: adesso parlo a chi è presente, a chi di questa società mi ha voluto. Per ora del resto sono solo ipotesi, anche se molto concrete». Alla vigilia di Roma-Juve Vincenzo Montella coglie l'occasione per ringraziare il quasi certo prossimo proprietario del club giallorosso che ha elogiato oltre a Totti anche il giovane tecnico romanista. «Sono molto sereno e al futuro non ci penso sul serio, si sentono tante cose in contraddizione tra loro. Se arrivo al quarto posto non è detto che sia confermato, così se arrivo quinto magari resto... Per me però è molto più importante la partita domani - prosegue Montella -, la squadra è stata molto distaccata da quanto stava avvenendo anche perchè è abituata alle voci da tanto tempo. Ho visto i ragazzi molto concentrati per la gara di domani che è particolarmente importante».



COME IL DERBY - Invertire la "tendenza" delle ultime stagioni, perchè la Juve da Roma «da troppo tempo va via con tanti punti». Vincenzo Montella si augura di vedere la stessa grinta mostrata dai giallorossi nel derby nel posticipo di domani sera con i bianconeri: il tecnico della Roma, alla vigilia di una delle classiche del campionato italiano degli ultimi anni, si dice ottimista «perchè i ragazzi sono molto concentrati». «Dobbiamo avere la stessa lucidità, voglia di vincere e determinazione dimostrata nel derby - spiega Montella - e se fosse così credo che domani non ci sarebbero problemi: la Juve ha bisogno di punti come noi, sono troppi anni che va via da qui con tanti punti e vogliamo cambiare questa tendenza. Roma ha bisogno di vincere per inseguire il quarto posto».


DE ROSSI E TOTTI - Montella vuole tirare fuori i punti deboli dei bianconeri: «Del Neri? Ottimo rapporto con lui, mi faceva sempre giocare... - scherza Montella - è un ottimo allenatore lo abbiamo avuto per pochi mesi a Roma: le sue squadre giocano allo stesso modo, la Juve ha delle lacune e cercheremo di evidenziare i loro punti di debolezza. Se facciamo bene ho la convinzione di poter far emergere questi punti di debolezza». Sui singoli non si sbilancia troppo: «De Rossi via? Mi sono ripromesso di non farmi coinvolgere da discorsi di giocatori in scadenza. Non lo vedo affatto a disagio in campo e credo possa migliorare ancora per questo finale di stagione. Quanto a Menez ha fatto bene, ma da lui ci aspettiamo anche qualche giocata in più quando ha la palla: ha le sue chance per poter giocare. Totti al top? Sta bene, è in crescita e domani vorrà festeggiare davanti ai suoi tifosi i 200 gol».

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160