Montali: «Festeggiato tanto, ora testa alla Fiorentina»

in

ROMA, 8 novembre - La Roma deve pensare «alla grande perchè è una grande squadra» e scendere in campo con la «determinazione» dimostrata nel derby. Giampaolo Montali promuove a pieni voti il gruppo di Ranieri dopo il 2-0 con la Lazio: un successo che segue quello di Basilea in Champions, «una gara fondamentale per la stagione» sottolinea il coordinatore e ottimizzatore delle risorse umane dell'area sportiva giallorossa. «Da alcune partite la squadra aveva cominciato a fare risultati, ed eravamo sulla buona strada - spiega Montali ai microfoni di Radio anch'io lo sport -. Basilea e il derby sono state le più importanti della stagione, soprattutto Basilea perchè l'abbiamo vissuta come una finale, e le finali hanno un unico risultato: la vittoria, come pure il derby. Siamo molto contenti del momento, ma tra due giorni c'è un'altra gara importante, con la Fiorentina affamata di vittoria e non si deve vanificare tutto. Abbiamo festeggiato fino a ieri sera ma da stamattina si pensa alla Fiorentina».


BRAVO MORGANTI - Quanto alla stracittadina, con coda di polemiche sull'arbitraggio di Morganti, Montali parla della prova di carattere dei giallorossi: «La Roma è andata in campo con l'atteggiamento perfetto, dal primo minuto con l'idea precisa che voleva l'allenatore. E siamo stati premiati per questo carattere vissuto dal primo minuto alla fine. C'è stato un clima molto sereno dentro allo stadio - ha aggiunto il dirigente romanista -: giocare alle tre di pomeriggio poi è stata una scelta felicissima, ma anche l'autorevolezza dell'arbitro in campo ha aiutato molto i giocatori. In una partita come il derby diventa decisivo».


TOTTI INDISPENSABILE, ASPETTIAMO ADRIANO - E su Totti, che ha saltato il derby per squalifica, solo parole di elogio: «È un giocatore di cui la Roma non può fare a meno in questo momento. Il mio rapporto con lui è ottimo. Abbiamo navigato in una fase di brutti risultati, ma facendo le cose giuste ci siamo ripresi». E nella Roma dell'immediato futuro si potrebbe rivedere anche Adriano. «È stato molto sfortunato, ha avuto un problema alla caviglia molto doloroso - spiega Montali -, sta lavorando benissimo e il suo comportamento è ineccepibile. Adesso aspettiamo il calciatore e sono sicuro che Ranieri saprà valutare al meglio questa risorsa. Facciamo tutti il tifo per lui e tutti i giocatori sono innamorati di lui, anche per la sua umanità. Non ho trovato grande vulnerabilità tra i calciatori, ma è un mondo complesso perchè vai dalle stelle alle stalle nel giro di una gara».  «Sono arrivato da un anno alla Roma e anche lì venivamo da una partenza non felice - dice Montali -: quest'anno si è verificata la stessa cosa. La differenza però sta nell'approccio mentale. La Roma deve pensare alla grande, con obiettivi precisi. Non possiamo permetterci il lusso di concedere tanti punti di vantaggio alle altre squadre, perchè abbiamo un enorme potenziale e la stagione deve essere affrontata in un modo completamente diverso».


TRE PARTITE PER UNA STAGIONE - Una battuta anche sull'Inter, che sta attraversando una fase non troppo brillante. «La diversità con Mourinho non deve discriminare ma essere un'opportunità per fare cose nuove e diverse - dice l'ex ct della nazionale di pallavolo -. Mantenere il livello delle squadre europee non è facile, siamo lontani come approccio: l'Inter ha vinto lo scorso anno la Champions perchè aveva la mentalità giusta, è andata in campo sempre per vincere. La determinazione violenta: manca questo, la voglia di vincere sempre. Noi adesso dobbiamo avere i piedi per terra: ci aspettano tre partite fondamentali e qui si deciderà il profilo della Roma nella stagione, anche recuperando gli infortunati. Questo campionato offre un'opportunità a chi la vuole cogliere, perchè non c'è una sola squadra favorita»


Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160