Mondiali Brasile 2014, l'Italia scopre le rivali

in

RIO DE JANEIRO, 30 luglio - Con la benedizione del Cristo Redentore che dal Corcovado domi­na e «protegge» Rio, questo pomeriggio - in Italia saranno circa le 20, diretta tv su Rai­sport 1, Sky Sport 1 e Supercalcio - verrà tracciata la lunga strada che porterà al Mondiale 2014, edizione numero 20. Otto­centoventiquattro partite per almeno 74.160 minuti di gioco per conquistare la fase finale che si disputerà fra tre anni in Brasile dal 12 giugno al 13 luglio. E' questo il sorteggio delle fase di qualificazione di cinque zone in cui è stato diviso il mondo del pallone: Africa, Asia, Nord Centrameri­ca e Caraibi, Oceania ed Eu­ropa. Il Sudamerica, come accade già da molti anni, le sue eliminatorie se le gio­cherà in un lunghissimo tor­neo «all'italiana». Per gli al­tri continenti bisognerà de­streggiarsi fra gironi, gruppi finali, partite ad eliminazio­ne diretta e spareggi veri e propri.


EUROPA NELLE MANI DI RONIE - Il Ranking Fifa dell'ultimo mese ha stabilito come le 53 Nazioni del Vecchio Conti­nente saranno inserite nelle sei urne da cui, intorno alla 21.15, Ronaldo e Paulo Hen­riqueGanso cominceranno a estrarre le fa­tidiche palline per comporre i nove gruppi - otto da sei e uno da cinque - della zona eu­ropea. Dopo uno dei peggiori Mondiali del­la sua storia, in Sudafrica, negli ultimi due anni l'Italia di Cesare Prandelli ha saputo risalire la china, riuscendo ad entrare nel­la prima urna, quella delle teste di serie raggiungendo Spagna e Olanda (le finaliste del Mondiale 2010), Germania, Inghilterra, Portogallo, Croazia e le sorprendenti Nor­vegia e Grecia. Cosa che invece ha compiu­to salamente in parte la Francia, che inve­ce, è diventata la prima delle... non elette.


PERICOLO «BLEUS» -La squadra di Laurent Blanc è stata relegata nella seconda urna e,automaticamente, diventa la mina vagante del sorteggio. Le otto migliori seconde classifi­cate si affronteranno in un play-off per po­ter staccare anch'esse il biglietto per la fa­se finale. Ma assieme ai «Bleus» ci sono al­tre formazioni che sarebbe meglio evitare per motivi differenti. Un esempio? Russia e Serbia, quest'ultima anche per quanto ac­caduto a Genova l'anno scorso nelle qualifi­cazioni a Euro 2012. E anche la Turchia del «santone» Guus Hiddink. Mentre fra le emergenti c'è il Montenegro di Mirko Vuci­nic, che sta fecendo tremare l'Inghilterra di Fabio Capel­lo sempre in questo Euro­peo.


Altri servizi e approfondimenti sull'edizione odierna del Corriere dello Sport-Stadio



Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160