Mihajlovic: «Se non vinco so cosa può accadere»

in

FIRENZE - "Sono nel calcio da tanti anni e so che cosa può succedere quando le cose vanno male: il primo a pagare è l'allenatore e forse è giusto così. Ma io non ci penso minimamente a perdere domani, non fascio la testa prima di rompermela". Così Sinisa Mihajlovic alla vigilia della partita con il Genoa che si annuncia decisiva per la sua panchina.


"Non mi sono sentito abbandonato o deluso dalla squadra - ha continuato il tecnico viola - però dopo quel primo tempo con la juve mi sono vergognato. L'ho detto anche ai giocatori, però sono convinto che non succederà mai più. Non bisogna mai perdere la fiducia. Intanto sono grato a questa società che non mi ha dato ultimatum, tutti sono sempre stati leali con me e io con loro".


MULTA KHARJA - La Fiorentina ha multato il centrocampista Houssine Kharja dopo aver scoperto che più volte durante la settimana da Firenze va in treno a Milano (e viceversa) per raggiungere la famiglia: lo ha raccontato Sinisa Mihajlovic sollecitato sulle voci che negli ultimi tempi avevano preso a circolare sull'ex interista approdato in viola in estate e finora poco utilizzato. "Abbiamo saputo l'altro ieri che il ragazzo ha la famiglia a Milano e che fa avanti e indietro almeno tre volte la settimana - ha detto il tecnico viola - È ovvio che ci siamo tutti arrabbiati e che secondo i regolamenti interni lo abbiamo multato. Se è un problema della società o dell'allenatore? È un problema di tutti perchè chiama in causa la professionalità. Il giocatore ha qualche problema familiare ma a questi livelli il lavoro bisogna metterlo al primo posto".

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160