Mazzarri: Quattro colpi per il Napoli da Champions

in

NAPOLI, 28 maggio - Napoli in vacanza. Giocatori e tecnico hanno bisogno di staccare la spina dopo una stagione a ritmi vertiginosi. Ma il giorno in cui comincerà il ritiro tutti saranno più carichi di prima. È la convinzione di Walter Mazzarri, il condottiero di un Napoli che la prossima stagione è chiamato ad affrontare anche l'affascinante sfida della Champions. L'allenatore ha parlato ai microfoni di Radio Marte. Innanzitutto un commento sul chiarimento che ha avuto con De Laurentiis: "Andiamo avanti. Da parte mia avevo bisogno di sentire alcune sicurezze da parte del presidente. C'è la possibilità il prossimo anno di avere delle difficoltà e dobbiamo essere tutti coesi. Quindi, bisognava partire con il piede giusto ed evitare qualcosa che magari è successo in passato. Questa è una piazza importante, esigente e noi dobbiamo avere le idee chiare per proseguire il nostro cammino. Abbiamo anticipato i programmi con il terzo posto e dovevamo vagliare alcune situazioni".


LA JUVE - Si è parlato di Juve per Mazzarri: "E' il bello e il brutto del nostro mondo. Viene detto di tutto, sinceramente non mi hanno mai sfiorato e lo stesso discorso riguarda la proprietà. Mettere in dubbio la permanenza non significa che pensavo ad altre squadre. Ho sempre messo il Napoli al centro dei miei pensieri, avevo semplicemente detto che aspettavo la fine del campionato per parlare con la società. Dobbiamo rispettare i tifosi, e se in passato ci fosse stata qualche piccola o grande divergenza, sarebbe dovuta essere chiarita".


IL MERCATO - Mazzarri è in contatto con presidente e ds per quanto riguarda il mercato: "Da questo punto di vista, io informo quotidianamente anche gli uomini del presidente. Parlo continuamente con il direttore sportivo e il direttore generale, quando non parliamo direttamente. La società è informata, ma dobbiamo essere chiari che gli acquisti si fanno sempre in base al fair play finanziario, ci sono società che hanno potenziale economico superiore al nostro e noi faremo gli acquisti in base alle nostre esigenze. Volevo far sentire la mia voce. Palombo? Non commento i nomi. Tre o quattro acquisti? Quelli ci saranno. L'allenatore dà le indicazioni, poi il mercato nasconde insidie. Con Bigon ci continueremo a confrontare in questi giorni. Magari si può interrompere un discorso avviato, le trattative sono strane, io sarò sempre informato su tutto. Il mio stato d'animo? Quando non mi sento a mio agio, lo dico, e volevo sentirmi dire certe cose. Nel momento in cui riparto, sono sempre carico. Adesso sono stanco e devo staccare almeno un mesetto. In ritiro sarò più carico della stagione trascorsa".


LA CHAMPIONS - Il Napoli sarà impegnato su più fronti: "Vogliamo crescere ancora, la Champions è un'esperienza nuova. Dobbiamo farlo al meglio e onorarla, abbiamo anticipato certi discorsi. Il nostro programma era triennale, ci siamo riusciti in un anno e mezzo. E adesso continuiamo questo processo di crescita". De Laurentiis ha definito Mazzarri un grande ottimizzatore: "Lo ringrazio, è una qualità che mi riconosco. Fa piacere sentire queste parole".
 


HAMSIK E LAVEZZI - Questione Hamsik e Lavezzi: "Credo che questi sono giocatori che stanno volentieri a Napoli. Vogliono restare, hanno un motivo in più, la Champions League. Ci sono tutti i presupposti affinché rimangano. Vorrei che rimanessero, poi se c'è una volontà contraria del giocatore, la società deve riflettere. Credo che questo sia un argomento della proprietà". Chiusura per i tifosi: "Voglio dire a tutti che mando un forte abbraccio a quelli che mi vogliono bene".

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160