Marino: «Sono sicuro che giocheremo in A»

in

BERGAMO, 27 giugno - "Sono felice ed emozionato anche se ho 31 campionati alle spalle". Inizia con queste parole l'avventura di Pierpaolo Marino, nuovo direttore tecnico dell'Atalanta. "Sono sicuro che giocheremo in serie A", ha detto Marino, commentando il coinvolgimento della società nerazzurra nell'inchiesta di Cremona. Avellinese di 56 anni, torna così nel mondo del calcio dopo l'addio al Napoli che si consumò nel 2009: "Rientrare in una società così aristocratica, gloriosa e dal ranking importante - dice Marino - per me è motivo d'orgoglio anche perchè penso che sia un club in cui si possa operare bene. Lavorerò sui giocatori in prospettiva".


IL PROGETTO - Il primo grande colpo stagionale del presidente nerazzurro Percassi esalta l'importanza del vivaio: "Queste strutture che già conoscevo in passato e che ora, con l'avvento di Percassi, sono state ulteriormente potenziate, sono ampiamente all'avanguardia per valorizzare al meglio i giovani nonostante qualche difficoltà sorta negli ultimi anni". Marino si sofferma sul ruolo che andrà ad occupare nei quadri dirigenziali orobici: "Darò il mio contributo in termini d'esperienza: con una ventina di campionati di serie A nel curriculum farò un pò da chioccia in una struttura già ben consolidata che andrà potenziata ed eventualmente riorganizzata laddove dovesse esserci bisogno". "Il progetto dell'Atalanta - conclude - mi ha intrigato per serietà, passione e voglia di fare da parte della proprietà. Lavorare in team con amici e con persone che stimo nonchè grandi professionisti come il ds Gabriele Zamagna e il campo degli osservatori Beppe Corti mi fa tornare ai tempi dell'Udinese e a quella metodologia. Perciò sono molto motivato e convinto che si possa fare davvero bene".

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160