Malesani esalta il Bologna: «Col Lecce salto di qualità»

in

BOLOGNA, 6 novembre - Luigi De Canio dice di non cercare alibi, e riconosce il merito al Bologna. «Ma non posso non dire che il gol di Di Vaio era in fuorigioco. Se veniva segnalato, non credo che avremmo perso. Evidentemente con Orsato non siamo fortunati a Bologna». Il riferimento del tecnico del Lecce è al 17 maggio 2009, al Dall'Ara, quando l'arbitro di Schio convalidò anche in quel caso una rete, proprio a Di Vaio, in off-side. Un gol che costò ai giallorossi, rimasti poi pure in dieci, le ultime speranze di serie A. «L'assistente non è stato bravo», ha aggiunto De Canio. «Ma anche su diversi falli non sono d'accordo con le decisioni che l'arbitro ha preso. È un problema di valutazioni». Nonostante le recriminazioni, De Canio ha ammesso che la sua squadra «non è riuscita a mettere in pratica il piano che avevamo in mente, e il Bologna non ha rubato nulla. Va dato atto a loro di aver giocato una partita aggressiva». Deluso, quindi, dalla prestazione dei suoi. «A volte fai quello che gli altri ti permettono di fare», ha detto.


MALESANI - Euforico, invece, Malesani. Che però è tornato sul clima respirato in settimana, e sulle, per lui, eccessive critiche al Bologna. «Questo è un piccolo salto di qualità. Ora lasciateci lavorare. La squadra mi è piaciuta moltissimo, abbiamo giocato il miglior primo tempo della mia gestione, dopo una settimana in cui c'è stata troppa tensione». Per Malesani, «bisogna capire che questa squadra ha cambiato tanto, 20 giocatori. Ma non è cambiato niente. Non so cosa si pretende. Prima del gol ho sentito dei fischi, non erano giusti. Il nostro obiettivo è la salvezza, e la serie A è durissima. Non siamo mica il Real Madrid. Ci vuole tempo con questi ragazzi». In particolare l'allenatore è stato infastidito dai fischi a Meggiorini. «Ha giocato bene, non me ne frega niente se lo fischiano». Vittoria dedicata al presidente Porcedda, che ha abbandonato lo stadio prima del vantaggio per andare in aeroporto. «Gli abbiamo fatto un grande regalo, se lo merita. Nonostante quello che si è scritto mi è stato molto vicino, in settimana. Anche ieri abbiamo giocato. Un gioco scaramantico che facciamo prima delle partite».


DI VAIO - Anche Di Vaio è soddisfatto. «Una vittoria importante - ha detto - in uno scontro diretto». I rossoblù sono Di Vaio-dipendenti? «Questo è un grande gruppo, se continuiamo così possiamo salvarci tutti insieme».

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160