Luis Enrique sul suo futuro: «Rispetterò il contratto»

in

ROMA - «Parlare di futuro nel calcio è un'utopia, non esiste il futuro. L'unica cosa sicura è che questa società ha dimostrato di avere grande fiducia in me quando le cose all'inizio non andavano come si pensava e che, se la società vuole, io resterò qui fino alla fine del contratto. E sarò contentissimo di farlo». Il tecnico della Roma, Luis Enrique, alla vigilia della trasferta contro l'Atalanta, respinge le voci provenienti dalla Spagna su un suo possibile passaggio al Barcellona nel caso in cui Guardiola non dovesse rinnovare il contratto coi blaugrana. Sulla gara di Bergamo, Luis Enrique ha detto che «senza giocare con la massima concentrazione sarà difficile vincere». «L'Atalanta ha fatto benissimo finora, senza penalizzazione avrebbe solo 4 punti in meno della Roma e lotterebbe per obiettivi più importanti - ha aggiunto -. Distratti dal derby? La partita più importante è quella di Bergamo, non quella con la Lazio».


In particolare, l'allenatore asturiano, ha sottolineato come «parlare di futuro nel calcio è un'utopia» e che «parlare della Roma come un punto di arrivo o di partenza per la mia carriera da allenatore non mi interessa». «Vivo il presente, lavoro ogni giorno per migliorare la mia squadra e dopo non so cosa succederà - ha sottolineato Luis Enrique -. Non so se lascerò il calcio dopo la Roma, non so se allenerò altre squadre, non m'interessa. L'unica cosa sicura è che, se la società vuole, io resterò qui fino alla fine del contratto». Il legame tra il tecnico e la Roma scadrà nel 2013. Il futuro che conta di più adesso è domani, con la sfida di Bergamo: «Abbiamo bisogno dei tre punti e quella di domani è una partita chiave» ha insistito il tecnico dei giallorossi. Chiusura dedicata alla sfida scudetto tra Milan e Juventus: «Non credo sia decisiva per l'assegnazione del titolo. Sono vicinissime in classifica e mi aspetto di vedere un bel calcio, una grande partita, e poi vinca il migliore. Certo, se fosse possibile, mi piacerebbe vederle perdere tutte e due...».


Fonte: 

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160