Lotito confessa: «Prendere la Lazio è stato un errore»

in

AURONZO DI CADORE, 31 luglio - La con­fessione di Lotito: «Il più grande errore? Quello di essere entrato nel mondo del calcio» . Ha ammesso un errore, non sembra vero. Se n’è accorto sei anni dopo la sua prima volta. Lotito forse s’è pentito d’aver messo piede nel mondo del pallone, ma continua a viverlo a modo suo. Giovedì sera è stato ospite di “Speciale Calciomercato” su Spor­titalia, ha fatto lo show. Una volta s’era definito “il peggior presiden­te della Lazio, non ho avuto la ca­pacità di conquistare l’affetto di tutti i tifosi”. Non capita spesso sentirgli fare autocritica, capita sempre di sentirlo disconoscere la realtà. Ha preso il terzino Garrido dal Manchester City, come era ipo­tizzabile ha smentito che Antonel­li fosse la prima scelta: «Garrido? E’ una trattativa che rientra nel­l’affare Kolarov. Reja voleva Garri­do come prima scelta e non Anto­nelli come si dice in giro» . Oscar Damiani, il manager dell’esterno del Parma, qualche ora prima a Sky Sport 24 aveva già chiarito la vicenda: «Smentisco che la Lazio abbia scelto Garrido e non Anto­nelli. Il Parma ha ritenuto Antonel­li incedibile e quindi la Lazio si è rivolta ad altri come Garrido. Pri­ma si dice che Antonelli è la prima scelta e poi il giorno dopo che Gar­rido è preferito ad Antonelli. A vol­te non ci si dovrebbe far strumen­talizzare da presidenti e agenti, ma sentire i diretti interessati».

 
Lotito ha visto fallire l’operazio­ne Martinez e l’affare Boateng, il presidente non lo ammette: «Boa­teng non ha rifiutato la Lazio» . Ora sta puntando tutto su Hernanes del San Paolo: «Tare è in giro, fa il suo mestiere. Hernanes? Sono tanti i giocatori che ci piacciono, in que­sto momento lo scopo della Lazio è non dare sfogo alla libidine media­tica, ma cercare calciatori che pos­sano aumentare il tasso tecnico del gruppo. Il prezzo? Contano le modalità di pagamento...» .


ACQUAFRESCA - La Lazio non molla Acquafresca. Ieri non è partito per Varese con il Genoa, non ha preso parte a un’amichevole. Ufficial­mente il giocatore è bloccato dal­l’influenza, in verità c’è il gelo con Preziosi (ha rifiutato la Lazio e non è stato perdonato). L’attaccante vuole il Cagliari, ma Lotito non molla: «Acquafresca ha un proble­mafamiliare e la sua preoccupa­zione è che alla Lazio ci sono già tre attaccanti di valore ed è diffici­le giocare titolare». Lotito e Pre­ziosi si sono incontrati 48 ore fa: «Ci siamo solo salutati, non c’è al­cuna trattativa in ballo». Non ci so­no trattative con la Juve: «Non ha mai chiesto Kolarov. Giovinco? E’ un grande giocatore ma non lo ve­do adatto alla mia squadra, vedoun calcio più fisico».


Leggi l'articolo completo sull'edizione del Corriere dello Sport oggi in edicola

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160