Juve, tutto sull'esterno. Dopo Vucinic, ecco Perotti

in

TORINO, 31 luglio - Mirko Vucinic arriverà stasera a Torino accompagnato dal suo agente Alessandro Lucci: un breve incontro con l’ad Beppe Ma­rotta per sistemare gli ultimi detta­gli del contratto, poi, domattina pre­sto, le visite mediche alla clinica Fornaca, alla Isokinetic e all’Istituto di Medicina dello Sport. Infine, l’ap­puntamento in sede per la firma. L’attaccante montenegrino si aggre­gherà alla squadra a Vinovo, quindi prenderà parte alla nuova fase del ritiro a Chiusa Pesio.


IL PUNTO - Con Lucci, che è anche rappre­sentante di Diego Lu­gano in Italia, l’ad bianconero parlerà anche del difensore, ma è difficile aspet­tarsi novità a breve termine: in primo luogo, la Juventus ­come ha già spiegato all’agente Juan Figer - aspetta di capire se è davve­ro possibile rilevarlo a parametro zero - la posizione del Fenerbahçe, travolto dallo scandalo scommesse turco, è delicata - in seconda istanza i dirigenti intendono vagliare bene con Antonio Conte la complementa­rità con Giorgio Chiellini, unico pun­to fermo tra i centrali difensivi. Non c’è fretta particolare, in ogni caso, per coprire il ruolo, anche se Frede­rik Sorensen è sempre più vicino al Bologna che promette continuità d’impiego. Restano vive le alternati­ve individuate, tutte curiosamente brasiliane. In corso Ferraris colle­zionano relazioni su Luiz Rhodolfo Dini Gaioto del San Paolo, che ha una valutazione di circa 7 milioni compensata da un ingaggio abbor­dabile, ma i grandi obiettivi sono Alex Rodrigo Dias da Costa del Chelsea e Rolando Jorge Pires da Fonseca del Porto: entrambi, però,impongono costi elevatissimi.


FASCIA - Con Conte, nella riunione tecnica prevista nei primi giorni del­la prossima settimana, si farà il pun­to anche sugli esterni. Vucinic è in grado di agire, oltre che da centra­vanti, da ala, ma la Juve punta su uno specialista del ruolo: d’altra par­te, pur avendo speso molto (61,25 milioni il saldo acquisti-cessioni), ha ancora delle risorse da investire, tanto più che Vucinic è costato mol­to meno di quanto era stato preven­tivato per Sergio Aguero o Giuseppe Rossi: il calciatore che più piace è Diego Perotti del Siviglia, per il qua­le, nonostante la blindatura del pre­sidente José Maria del Nido, sarà ef­fettuato un nuovo tentativo, ma restano vive le candidature di Eljero Elia del­l’Amburgo, Ibrahim Afellay del Barcello­na, Michel Bastos dell’Olympique Lio­ne (al quale però il club francese ha pro­posto il rinnovo) e Juan Manuel Var­gas della Fiorentina. Al vaglio la po­sizione di Cristian Pasquato: ha buo­ne offerte, non è escluso che riman­ga.


Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna di Corriere dello Sport-Stadio



Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160