Inter, Sneijder vale di più. Bassa l'offerta dello United

in

MILANO, 3 agosto - « Siamo qui per vincere », parole di Wesley Sneijder, appena sbarcato a Pe­chino. Sabato prossimo l'Inter contenderà la Supercoppa al Milan, ma al di là dei buoni propositi quella gara potrebbe anche essere l'ultima dell'olandese con la maglia neraz­zurra. Lo sa bene il diretto interessato che a Dublino, davanti ai media inglesi, aveva tut­t'altro che escluso un suo addio (« Sto bene a Milano, ma nel calcio non si può mai dire ») e che probabilmente non gradisce tutta que­sta incertezza. Ma non perché, come sostie­ne il 'Daily Mirror', Massimo Moratti sia pronto ad accettare già questa settimana i 35 milioni di euro messi sul tavolo dal Man­chester United, ma perché comunque un'offerta di quel­la portata potrebbe arrivare di qui alla fine del mercato. E allora il presidente nerazzur­ro potrebbe davvero accetta­re. Ne occorreranno almeno una quarantina, però, di mi­lioni: dopo aver visto il Paris Saint Germain versarne ben 43 per Javier Pastore, infatti, Moratti ha deciso di aggior­nare, alzandole, le sue prete­se. D'altronde, a differenza dell'argentino, Sneijder ha vinto una Champions e un Mondiale per club ed è stato protagonista di una finale Mondiale con la sua naziona­le: perché, si chiede il numero uno di corso Vittorio Emanuele, dovrebbe valere di me­no?


TEVEZ E GIOVANI - Ma ciò non significa che il numero 10 sia stato blindato o bollato con il timbro dell'incedibilità. Semplicemente gli è stata assegnata una valutazione più ade­guata. Tanto più che, con quanto incassato dalla sua cessione, l'Inter dovrà andare a caccia di un degno sostituto. E' vero che c'è Carlos Tevez sul mercato, ma in casa Inter confidano di riuscire a ottenere l'argentino in prestito, approfittando della necessità del Manchester City di liberarsene. Insomma, senza più Sneijder, l'Inter avrebbe la neces­sità di trovare un nuovo faro per il centro­campo, visto che è quello il ruolo che Gian Piero Gasperini ha assegnato all'olandese. « Gioca con noi, si è allenato con noi e gio­cherà anche sabato. Sneijder non è un pro­blema », sono state le parole del tecnico da Pechino. Una strada alternativa, sempre con la premessa di ottenere Tevez in prestito, sarebbe quella di fare un mega investimen­to sui giovani, puntando, oltre che su Case­miro, anche su Lucas. Per quest'ultimo, pe­rò, il San Paolo avrebbe già detto no a un'of­ferta nerazzurra da 27 milioni di euro.


Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna del Corriere dello Sport-Stadio



Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160