Inter, Moratti entusiasta: «Siamo fortissimi»

in

MILANO, 31 agosto - "Abbiamo una squadra fortissima, lo dico da tifoso. Ci sono giocatori nuovi da scoprire e nel calcio questa è una cosa che entusiasma. Abbiamo tantissime possibilità di gioco, credo che come bilancio sia positivo". Lo ha detto il presidente dell'Inter, Massimo Moratti, uscendo dagli uffici della Saras. "Per Zarate c'è stata una telefonata con il presidente della Lazio e discutendo siamo arrivati a una soluzione che ci soddisfacesse entrambi - ha proseguito Moratti -. Lui è un bravissimo ragazzo, è felice di essere all'Inter, adesso è nelle mani dell'allenatore". Zarate è arrivato perchè "l'allenatore chiedeva un esterno - ha spiegato Moratti - è importante avere una squadra che nell'insieme dia sicurezza". Quelle di Forlan e di Zarate "sono due buone operazioni - ha proseguito il presidente interista - all'estero ci sono state un paio di situazioni importanti poi si sono calmati anche loro, anche se hanno realtà diverse con maggiori possibilità". Moratti ha poi spiegato sorridendo come quello di fare il presidente "è un servizio sociale, c'è la passione che ti condanna". 


GASPERINI
- "Il mio non è un ultimatum, anzi do piena libertà all'allenatore. Avevo detto soltanto che Pazzini fa molti gol e che quindi non bisogna sacrificarlo". Lo ha detto il presidente dell'Inter Massimo Moratti all'uscita dai suoi uffici della Saras. "Se la difesa a tre non ha dato i risultati sperati, sarà l'allenatore a decidere se continuare e avere successo o se cambiare. Ogni volta che faccio un respiro subito saltano fuori determinate intenzioni secondo qualcuno". Moratti ha anche parlato di Sneijder: "È stata una volontà quella di tenerlo - ha spiegato - lui è un giocatore di gran classe richiesto dagli altri, si è comportato bene, me lo ha detto tante volte che voleva restare ed è un bene che resti per dare maggiore sicurezza alla squadra. Quando leggevo i titoli sui giornali parlavo con lui e mi diceva che non era vero che voleva andare via". Per Moratti, dunque, "l'Inter parte con ambizioni, abbiamo cambiato sistema di gioco abbiamo preso un giocatore come Forlan di cui essere fieri, oggi sono più ottimista perchè abbiamo più possibilita".

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160