Incontro Branca-Benitez: come nasce la nuova Inter

in

ROMA, 6 giugno - Se non sarà oggi, sicuramente entro i primi tre giorni della settimana prossima ci sarà l'incontro tra Marco Branca, direttore tecnico dell'Inter e Rafael Benitez, futuro allenatore della formazione nerazzurra. Un vero e proprio vertice quello che dovrebbe svolgersi in Sardegna (dove Benitez sta passando qualche giorno di vacanza) al quale potrebbe partecipare anche lo stesso presidente Massimo Moratti ormai convinto che la scelta dell'ex manager del Liverpool sia quella giusta per rimpiazzare José Mourinho, nuovo allenatore del Real Madrid. Non sarà un compito facile quello che verrà affidato a Benitez. Mi come quest'anno l'eredità che dovrà raccogliere il tecnico iberico sarà così pesante: nerazzurri campioni d'Italia sul campo negli ultimi quattro anni e campioni d'Europa in carica grazie al successo ottenuto lo scorso 22 maggio a Madrid dopo una cavalcata trionfale contro Chelsea, Barcellona e Bayern Monaco.


HIDDIKNK TRAMONTATO - Da segnalare come ieri sia definitivamente tramontata l'ipotesi di Guus Hiddink, rimasto in corsa fino all'ultimo secondo come possibile successore di José Mourinho su una delle panchine più prestigiose del mondo: «Hiddink ha rifiutato due settimane fa la panchina dell'Inter perché si è appena accordato con la Federazione turca», ha ammesso ieri alla Bbc Cees Van Nieuwenhuizen, agente dell'olandese. Parole che hanno sbloccato definitivamente la candidatura di Benitez.


L'ACCORDO - Il tecnico iberico è consapevole della pesantezza del suo compito ma chi lo conosce bene sa come le sfide impegnative, quasi impossibili, siano anche le più affascinanti. Insomma lo spagnolo non è uno che si fa spaventare facilmente. D'altronde a sua disposizione avrà praticamente la stessa squadra che ha vinto contro i campioni d'Inghilterra, di Spagna e di Germania, avrà nella sua Inter anche Diego Milito e Maicon che negli scorsi giorni, dopo qualche dubbio iniziale, hanno confermato che resteranno a Milano con la maglia nerazzurra. Un'ottima notizia quella che ha ricevuto l'allenatore madrileno che nei prossimi giorni firmerà il contratto che lo legherà, almeno per tre stagioni, alla squadra lombarda. Oggi o al più tardi entro mercoledì l'incontro nel quale non solo verrano definiti i termini economici dell'accordo (molto probabilemente per una cifra che si aggira sui 6 milioni di euro all'anno), ma nel quale verranno elencati i giocatori con i quali l'ex Liverpool vorrà puntellare una squadra già impressionante per forza e carattere. Mascherano, Gerrard e forse anche Kuyt i primi giocatori che il tecnico 50enne farà a Moratti. Non obiettivi di secondo piano ma giocatori necessari, di primo livello, per dare nuova linfa ad una squadra già vincente che vuole continuare a dominare in Italia ma soprattutto in Europa.


Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160