Illecito sportivo: inibito Piraino e penalizzato il Palazzolo

Ammenda al Neapolis per responsabilità oggettiva

Due punti di penalizzazione da scontarsi nella stagione in corso. E' questa la decisione presa dalla Commissione disciplinare della Figc nei confronti del Palazzolo, difeso dagli avvocati Chiacchio e Cozzone, in relazione ad un presunto illecito sportivo commesso l'anno scorso nella gara di play out col Vittoria. "Una sentenza che ci lascia ovviamente con l'amaro in bocca perché va a danneggiare ingiustamente la squadra in termini di classifica - le parole del ds Peppe Agozzino apparse sul sito ufficiale del club - e che ci vede così precipitare in sest'ultima posizione alla pari con l'Hinterregio. Naturalmente, ribadiamo la totale estraneità ai fatti; nessun tesserato del Palazzolo è stato contattato o ha contattato il signor Piraino all'epoca dei fatti Ds della Neapolis. Ho motivo di sostenere che qualsiasi cosa sia avvenuta, semmai, a esclusivo titolo personale dello stesso Piraino. Aggiungo, inoltre, che da questa sentenza, comunque vada, la squadra troverà ulteriore motivo a reagire al momento non particolarmente positivo. Il Palazzolo sarà sicuramente in grado di dare le giuste risposte in campo. Questa la mia personale riflessione che, sono certo, viene interamente sostenuta da tutta la Società del Palazzolo". Lo stesso Piraino è stato inibito per tre anni, mentre il Neapolis è stato condannato al pagamento di 1500 euro per responsabilità oggettiva.

Fonte: 

Redazione AGC

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160