Ibrahimovic: «In futuro potrei fare l'allenatore»

in

ROMA - Ibrahimovic in panchina, ma da allenatore. E solo tra "due o tre anni". A prefigurare un possibile futuro da tecnico è lo stesso attaccante del Milan che non ha escluso di poter guidare una squadra una volta chiuso con l'attività da calciatore.


MISTER ZLATAN - "E' molto probabile -ha dichiarato Ibrahimovic a 'Sportbladet'- Anche se in precedenza avevo detto di no". L'attaccante svedese cita l'esempio dell'ex compagno di nazionale, Henrik Larsson, venuto a trovarlo nel ritiro rossonero di Dubai, che ora è l'allenatore del Landskrona BoIS, squadra di seconda divisione svedese: "Mi ricordo che 'Henke' che, quando giocava, aveva detto che non avrebbe mai allenato. Ora, invece, è un allenatore. Quindi non posso sapere che cosa accadrà tra due o tre anni".


FUTURO - Altre due o tre stagioni. Questo il 'termine' che lo svedese, 30 anni, ha fissato, almeno in questo momento, per chiudere la sua avventura da giocatore: "Sì, spero di essere in attività ancora per due o tre anni. Poi vediamo che cosa succederà in futuro. Tutto è possibile. Dobbiamo solo aspettare e vedere". Sicuramente Ibrahimovic è convinto che il mestiere di allenatore sia più difficile di quello del calciatore: "Penso che fare l'allenatore sia una grossa responsabilità -conclude- e quindi è più semplice essere un giocatore".

Fonte: 

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160