Giovinco: «Si sta meglio al Parma che alla Juve»

in

PARMA, 2 agosto - Nella giornata in cui Diego ha fatto infuriare la dirigenza della Juve con un attacco ad alzo zero contro il dg Marotta, su Corso Galileo Ferraris arrivano gli strali di un altro transfuga: Sebastian Giovinco. Il giovane fantasista torinese, approdato in estate al Parma, non ha mai nascosto la sua delusione per il trattamente ricevuto in bianconero. E coglie l'occasione di un'intervista a Sky Sport 24 per ribadirlo ancora una volta. Lo spunto è offerto proprio da una domanda sulle parole di Diego: «Che la dirigenza dovesse essere più chiara (come ha detto Diego, ndr) è vero - esordisce la Formica Atomica -. E doveva esserlo fin dal primo anno che sono arrivato (alla Juve). Non è stato così. Amen, la vita va avanti. Con Diego non so come si sia comportata la dirigenza. Io penso a me. Non sono stato trattato come mi aspettavo, ma non ci penso più, penso a fare bene qui. Per il futuro vediamo. Spero di fare bene qui a Parma per far cambiare idea alla Juve con i fatti».


L'ANNO PEGGIORE - Quando gli viene chiesto di fare un paragone tra l'ambiente che ha trovato in Emilia e quello che ha lasciato a Torino, Giovinco non si sottrae: «Mi avevano parlato bene di questo gruppo - afferma - e lo posso confermare: è una famiglia dove tutti si aiutano e si vogliono bene. In campo abbiamo dimostrato di essere una squadra unita. I presupposti per fare bene ci sono. Se è meglio qui che alla Juve? Quello che ho trovato io sì, soprattutto rispetto all'ultimo anno. Le cose sono andate male, è stato un periodo difficile per me, per tutta la squadra e per la società, il periodo più brutto che la Juve abbia passato. Quindi potete immaginare».


Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160