Gasperini su Sneijder: «Sabato giocherà con noi»

in

PECHINO (CINA), 2 agosto -
«Non ho la sfera di cristallo ma noi siamo qui per cercare di vincere e perché l'Inter porti a casa quella Coppa che non è riuscita a conquistare due anni fa. Poi, giocare con il Milan è ancor di più motivo di prestigio», risponde così Gian Piero Gasperini, ai cronisti cinesi nella prima conferenza stampa a Pechino, quando gli viene chiesto se l'Inter vincerà questa Supercoppa, a differenza di quanto accaduto due anni fa contro la Lazio. Al tecnico viene poi chiesto delle condizioni di Javier Zanetti: «Ha giocato in Copa America fino a 15 giorni fa, non ci saranno problemi per lui». Le differenze tra Inter e Genoa? Anche questo sono curiosi di sapere qui in Cina: «L'importanza della squadra», dice il tecnico nerazzurro, che parla di «un grande passo in avanti nella sua carriera». «Nel calcio si gioca con la pioggia, col freddo, col caldo, con l'umidità: si gioca comunque e noi siamo arrivati prima proprio per adattarci a questo clima caldo e umido. Comunque sarà lo stesso per tutte e due le squadre, quindi...», sorride il tecnico e risponde in questo modo, quando gli viene chiesto come farà ad affrontare il clima "terribile" di Pechino, come lo definiscono gli stessi abitanti della città.


SITUAZIONE SNEIJDER - A Gasperini viene poi chiesto un commento sul "problema Sneijder", o per lo meno lo chiamano così i cronisti cinesi, che parlano di incertezza sul futuro dell'olandese: «Gioca con noi, si è allenato con noi e giocherà anche sabato. Sneijder non è un problema». Si torna quindi a parlare dell'importanza di questa Supercoppa in Cina: «Uno spot promozionale per il nostro calcio e anche per il calcio in Cina». A proposito della data del match, che ha fatto sì che il tecnico lasciasse liberi alcuni giocatori importanti perché reduci dalla Copa America, Gasperini commenta: «Questa data ci ha costretto ad anticipare un po' i tempi e la preparazione, e a fare delle rinunce, anche per rispettare tutti gli impegni, mantenendo comunque un altissimo livello. Saremo comunque competitivi, in grado di giocarci le nostre possibilità, anche senza questi giocatori che mancano».


PARLA SNEIJDER - 
«È la prima volta che metto piede in Cina, per me è un onore e un'emozione», sono state queste le prime parole di Wesley Sneijder, appena atterrato con la squadra all'aeroporto di Pechino, soffermandosi con i media locali. «Siamo qui per giocare una partita importantissima, una gara speciale per due motivi: perché siamo in Cina e perché è un derby. Sono convinto che l'Inter possa fare bene e farò di tutto perché ciò accada, vogliamo vincere. Siamo qui per vincere», ha aggiunto il giocatore.


PARLA RANOCCHIA - C'è anche Andrea Ranocchia a rappresentare l'Inter in questa prima conferenza stampa e con lui i cronisti diretti sembrano davvero interessati ad andare subito al sodo: «Con Walter Samuel mi sono allenato per 3-4 mesi da quando è rientrato dall'infortunio, abbiamo avuto quindi tempo per conoscerci», risponde così Andrea Ranocchia, quando i cronisti cinesi gli chiedono se non sia un problema per lui dover giocare una gara così importante con al fianco Samuel e non Lucio, dopo aver giocato la maggior parte della scorsa stagione proprio con il brasiliano. «Non è affatto un problema, anzi, è un onore», aggiunge il difensore. A Ranocchia una domanda, poi, sul cambio di numero sulla maglia rispetto alla scorsa stagione: «Porto il 23 ora, il numero che era di Materazzi, perché Marco un giorno mi ha chiamato e mi ha detto che avrebbe avuto piacere se avessi preso il suo numero. Il piacere è stato mio, ed è stato anche un onore». «Rispetto a quando sono venuto qui per l'Olimpiade nel 2008 la Cina si è sicuramente sviluppata molto, bello vedere così tanti progressi», racconta Ranocchia, quando i cronisti cinesi sottolineano che per lui è la seconda visita della sua vita nel loro Paese. «Per me l'Olimpiade è stata un'esperienza indimenticabile, sono convinto che potrò dire lo stesso di questa nuova esperienza», conclude sorridendo il giocatore.


PARLA ALVAREZ - Alcune dichiarazioni anche per Ricardo Alvarez, in conferenza nella sala stampa del Workers' Stadium insieme a Gian Piero Gasperini e Andrea Ranocchia: «Per me è importantissimo giocare nell'Inter, così come è importante e un onore essere qui a rappresentarla. Spero che l'Inter faccia bene in questa Supercoppa, anzi, ne sono convinto e farò di tutto, insieme ai miei compagni, per far sì che ciò accada. Ci teniamo molto. Inter e Cina insieme, un connubio da onorare, perché questo Paese merita rispetto», dichiara il giocatore argentino. «Io sono a disposizione del tecnico e della squadra, sempre e comunque», risponde semplicemente così Alvarez, quando gli chiedono se nel caso di un addio di Wesley Sneijder ci potrebbe essere più spazio per lui.


Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160