Derby, il doppio errore su Dias e Riise-Mauri

in

ROMA, 8 novembre - Due errori nell’azione più con­testata. Ma non solo. Ci sono diverse con­testazioni nel derby di Morganti (come la spinta di Baptista sulle spalle di Li­chtsteiner sull’azione del secondo rigore giallorosso), rivedibili i due assistenti (in particolare Cariolato).


PRIMO TEMPO - Contatto Mexes-Rocchi in area giallorossa: l’atteggiamento dei due giocatori dimostra che non c’è nulla. Brocchi lancia Mauri, che è in off side (non segnalato da Di Liberatore), poi pal­lone al centro dove Rocchi non arriva. Ledesma trattiene Vucinic, il montene­grino a Morganti: «Che deve fare con il cartellino, che deve fare?» . Cassetti trat­tiene e tocca Hernanes: ammonito. Gol annullato alla Roma (Greco): Riise tra una selva di gambe tocca per Borriello, in quel momento la punta giallorossa ha il piede sinistro oltre la linea fissata da Dias, l’azione va avanti e solo quando Borriello colpisce il pallone Cariolato va su (perché così dicono le interpretazioni del regolamento, ma forse anche perché Morganti gli suggerisce che l’ultimo toc­co è di Riise). Millimetrico davvero, ma segnalazione giusta. Intervento di Greco su Ledesma: manca un giallo.


SECONDO TEMPO - Tiro di Simplicio, Li­chtsteiner ha il braccio destro largo e pa­rallelo al terreno, colpisce il pallone con l’avambraccio, giusto assegnare il rigore. Contatto Mexes-Floccari, alla fine fini­scono giù tutti e due quando il pallone è già fra le braccia di Julio Sergio. Sten­dardo trattiene Borriello in ripartenza: ok il giallo. Come quello per Julio Sergio che perde tempo. Cross di Foggia, Sim­plicio colpisce con la coscia sinistra e non col braccio, bravo Morganti a cogliere l’attimo. Rischia molto Cassetti: già am­monito, commette fallo su Foggia che era andato via, poteva starci il secondo gial­lo. L’episodio chiave, da dividere in due momenti: 1) punizione di Ledesma, al centro dell’area c’è Dias in off side che diventerà attivo nel momento in cui col­pirà il pallone con il tacco, errore dell’as­sistente Cariolato (partito, forse, in ritar­do e mal allineato); 2) sul palo opposto, Mauri è in vantaggio su Riise che lo cin­tura con le braccia e lo butta giù: era cal­cio di rigore (anche se Morganti è coper­to da Mexes-Floccari). Il tocco di Dias su Baptista c’è, il rigore anche, ma l’azione parte con una spinta dello stesso brasilia­no sulle spalle di Lichtsteiner che sta sal­tando e quindi viene sbilanciato prima di essere travolto da Stendardo. La Lazio chiede un altro rigore: ma il colpo di te­sta di De Rossi colpisce prima la coscia e poi il braccio di Simplicio.


RUSSO (Fiorentina-Chievo 1-0) Un dubbio: Pasqual-Moscardelli...
Per Russo solo un dubbio nel recupero: Moscardelli sta per colpire di testa davanti a Boruc, dietro di lui Pasqual si prende un bel rischio, una leggera spinta c’è....


BERGONZI (Bari-Milan 2-3) Robinho giù, quasi una simulazione
Contatto Robinho-Masiello in area del Bari sullo 0-0: il rossonero, però, si lascia cadere, siamo al limite della si­mulazione. Cross di Alvarez, fermato Rossi in off side: non c’era, lo teneva in gioco Yepes. Clamoroso errore di Bergonzi al 47’ del primo tempo: Abbiati in uscita abbat­te Barreto che tocca per primo il pallone, era calcio di rigore netto (senza espulsione, siamo decentrati rispet­to alla porta e c’è Nesta nei pressi).


ROMEO (Juventus-Cesena 3-1) Pellegrino-Bonucci: il rigore c’è
Non convince Romeo, soprattutto dal punto di vista del­la gestione disciplinare. Regolare il gol di Jimenez: lan­cio di Giacherini, in off side c’è Bogdani (che non inter­ferisce), non Schelotto che raccoglie, rimette al centro dove Jimenez arriva dietro la linea del pallone. Manca il giallo per Bonucci (su Jimenez). C’è il rigore per la Ju­ventus: se pure c’è un’iniziale trattenuta reciproca (e in questi casi si lascia correre), è poi Pellegrino che prose­gue nell’azione fallosa su Bonucci. Altro giallo mancato a Sissoko: l’intervento col piede teso su Bogdani è brut­to. Lancio di Pepe, Del Piero in off side segna: giusto an­nullare. Fallo di Pellegrino su Pepe: qui inflessibile Ro­meo, arriva il secondo giallo.


MAZZOLENI (Napoli-Parma 2-0) Regolari i due gol di Cavani
Sono regolari entrambi i gol di Cavani: sul primo, è te­nuto in gioco da Valiani sul lancio in profondità di Zuni­ga. Sul raddoppio, al momento della palombella di La­vezzi, è “coperto” da Lucarelli.


GIANNOCCARO (Sampdoria-Catania 0-0) Marilungo-mani, non vale il gol di Konan
Giannoccaro a Genova sugli episodi-chiave è puntuale. Contatto Silvestre-Marilungo, che si lascia cadere dopo aver fatto due passi, siamo quasi alla simulazione da car­tellino. Fermato Mascara in off side: errore dell’assi­stente Ayroldi, è dietro la linea dei difensori blucerchia­ti. Giusto annullare la rete segnana da Konan: Bellusci rinvia il pallone, colpito con la mano destra da Marilun­go, questo diventa un assist per Konan che va in rete.


TOZZI (Udinese-Cagliari 1-1) Asamoah: il pallone sembra fuori
L’Udinese contesta l’angolo che porta al gol di Conti: quando, però, Asamoah rinvia il pallone, ha il piede de­stro sulla linea di fondo e la gamba sinistra allungata in avanti a colpire il pallone. Non ci sono certezze, si può presumere, però, che l’assistente Angrisani abbia visto bene. Protesta (probabilmente non a torto) il Cagliari per una trattenuta in area di Zapata su Pinardi.


BRIGHI (Palermo-Genoa) Eduardo su Pinilla: solo pallone
Risparmia qualche cartellino (ne meriterebbe due Cri­scito per due interventi su Ilicic), Brighi tiene comunque sempre lo stesso metro di giudizio. Gli episodi: Marco Rossi col braccio, poi va giù in area dopo un contatto (non falloso) di Balzaretti. Dainelli sbaglia controllo, Eduardo prende il pallone con le mani: Brighi giudica tutto involontario. Pastore per Pinilla, posizione ok, poi Edurado in uscita prende solo il pallone. Pastore su Ka­ladze: giallo.


Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160