Coppa Italia, atto finale. Inter-Palermo alle 21 LIVE

in

ROMA, 29 maggio - Il Palermo di Delio Rossi e Pastore vuole entrare nella storia vincendo il primo titolo del club rosanero. L'Inter di Leonardo cerca il 'triplete' dopo aver già conquistato Supercoppa italiana e Mondiale per club. All'Olimpico di Roma, davanti a settantamila spettatori, si accendono i riflettori per la finale di Coppa Italia. Segui la gara in diretta con noi:


                                                                

AGGIORNA LA DIRETTA



LE FORMAZIONI UFFICIALI - Questi gli schieramenti in campo:

INTER (4-3-1-2): Julio Cesar; Nagatomo, Lucio, Ranocchia, Chivu; Zanetti, Thiago Motta, Stankovic; Sneijder; Pazzini, Eto'o. A disp. Castellazzi, Kharja, Mariga, Milito, Materazzi, Samuel, Pandev. All. Leonardo

PALERMO (4-3-2-1): Sirigu; Cassani, Munoz, Goian, Balzaretti; Migliaccio, Acquah, Nocerino; Ilicic, Pastore; Hernandez. A disp. Benussi, Kasami, Miccoli, Liverani, Darmian, Pinilla, Carrozzieri. All. Rossi


PORTAFORTUNA - Già due volte il 29 maggio è stato per i rosanero un giorno di grande festa: la prima volta nel 2004. In quella data, dopo il 3-1 sulla Triestina, il Palermo tornò ufficialmente in A dopo 32 anni. E la città rimase imbandierata per oltre un mese a celebrare un risultato che superò i confini dello sport. Un anno dopo, il 29 maggio 2005, il Palermo di Guidolin co­ronò un’altra impresa: col 3-3 contro la Lazio all’ultima gior­nata, chiuse (da matricola) al 6° posto conquistando l’ingres­so in Coppa Uefa per la prima volta nella sua storia.


FINALE ROSANERO - Un altro numero “magico” è il 32. Perchè se il Paler­mo è tornato in A dopo 32 anni ( dal 1972- 73 al 2004-05), adesso dopo altri 32 anni si ripresenta alla fi­nale di Coppa Italia. I rosanero già due volte sono ar­rivati all’epilogo della coppa, entrambe le volte come squadra di serie B: nel 1974 e nel 1979. Nella prima oc­casione persero contro il Bologna all’Olimpico ai rigo­ri (4-5: 1-1 al 120’), nella seconda si arresero alla Ju­ventus a Napoli nei tempi supplementari (1-2).


LA LAZIO DI ROSSI - Delio Rossi, l’unico fra i rosanero ad aver già vinto la Coppa Italia: alla guida della Lazio, due anni fa contro la Sampdoria (i biancocelesti s’imposero ai rigori). La finale del 2009 fu giocata all’Olimpico il 13 maggio. E sapete cosa fe­ce la Lazio di Rossi nel turno precedente la finale, sa­bato 9 maggio contro l’Udinese? Perse in casa per 3-1 dopo essere passata in vantaggio, esattamente come è successo sabato scorso al Palermo contro il Chievo...


SULLE MAGLIE - Sulle maglie che indosserà questa sera l’Inter c’è un ricamo con la scritta «finale di Coppa Ita­lia» e la scritta per i 150 anni dell’Unità d’Italia. I nerazzurri hanno vinto la Coppa Italia sei volte.
 

TUTTO ESAURITO - Tutto esaurito oggi all’Olimpico, ieri sera alle 18 erano stati venduti 69.815 biglietti, con po­che decine rimasti, per un totale di circa due mi­lioni di incasso. La tribuna d’onore si annuncia stracolma: sono annunciati sei ministri e il presi­dente del Senato Schifani in rappresentanza del capo dello Stato. Lo sport italiano sarà rappresen­tato dal presidente del Coni Petrucci, dal segreta­rio generale del comitato olimpico Pagnozzi e dal presidente della Federcalcio Abete. Il ct della na­zionale Prandelli sarà affiancato dall'allenatore dell'Under 21 Ciro Ferrara.


I TECNICI - Quarta sfida tecnica ufficiale tra Leonardo e Rossi: finora non è mai stato pareggio: il bilancio è di 1 vittoria di Leonardo (Inter-Palermo 3-2, nel girone di ritorno della serie A 2010/11) e 2 successi di Delio Rossi (entrambi nella serie A 2009/10 nel doppio Palermo-Milan), le cui squadre hanno sempre segnato, per 7 marcature complessive.


L'ARBITRO - La finale sarà diretta da Morganti di Ascoli Piceno, che dirigerà la sua terza finale di coppa Italia in carriera, probabilmente nel giorno del suo addio al fischietto, dovendo compiere 45 anni nel prossimo mese di luglio. I due precedenti si riferiscono alla finale di ritorno Inter-Roma 2-1 del 17 maggio 2007 ed alla finale secca Roma-Inter 2-1 del 24 maggio 2008. L'Inter ha 22 precedenti con l'arbitro Morganti ed un bilancio estremamente positivo composto da 15 vittorie, 1 pareggio e 6 sconfitte, con 3 direzioni in stagione - tutte in serie A -: sconfitta per 0-1 a Roma contro i giallorossi il 25 settembre 2010, ko per 1-3 ad Udine il 23 gennaio 2011 ed infine vittoria per 2-1 in casa contro la Lazio il 23 aprile 2011. Il Palermo è stato invece diretto 19 volte dal fischietto ascolano, con bilancio in perfetta parità di 7 vittorie, altrettante sconfitte e 5 pareggi; in stagione si tratta della quinta direzione - tutte in serie A le precedenti - dopo il pareggio interno per 0-0 contro il Cagliari il 29 agosto 2010, la sconfitta per 0-1 a Napoli del 6 dicembre 2010, la vittoria interna per 2-1 sulla Juventus il 2 febbraio 2011 e la sconfitta a Catania per 0-4 il 3 aprile 2011.

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160