Contratto, Abete: «Spero sia possibile chiudere il 4 o 5 maggio»

in

ROMA, 29 aprile - «Spero vivamente sia possibile arrivare alla firma del contratto collettivo tra giovedì e venerdì prossimi, altrimenti ognuno dovrà fare le proprie valutazioni». Così il presidente della Figc, Giancarlo Abete, ha auspicato che la tanto attesa fumata bianca sul rinnovo del contratto collettivo dei calciatori. «L'argomento che resta si riferisce ai parametri dei collegi arbitrali - ha aggiunto - per questo motivo, ritengo che dopo 43 anni di attività, Sergio Campana, meriti, entro il prossimo 9 maggio, data del rinnovo degli organi elettivi, di mettere la sua firma sul nuovo accordo. Faremo inoltre uno dei prossimi consigli federali a Vicenza, come doveroso atto di riconoscimento al presidente dell'Aic, una persona che ha segnato la storia del calcio italiano».


TOLLERANZA ZERO CONTRO VIOLENZA AI DANNI DEGLI ARBITRI - Tolleranza zero contro gli atti violenti ai danni degli arbitri. Ad annunciarlo è stato il presidente della Federcalcio, Giancarlo Abete, al termine del consiglio federale, svoltosi oggi nella sede della Figc. «La Federcalcio sta studiando nuove norme del Codice di Giustizia Sportivo che testimonino con maggiore forza e severità l'impegno a contrastare qualsiasi forma di violenza a danno degli arbitri - ha ammesso Abete - Aspetti morali e aspetti economici di un fenomeno odioso e intollerabile, che colpisce in modo particolare alcune realtà regionali nei campionati dilettantistici, saranno nei prossimi giorni approfonditi per tutelare la categoria arbitrale a ogni livello». Su questo argomento si è svolto nei giorni scorsi un incontro specifico tra i vertici federali e i rappresentanti dell'Aia. «D'intesa con tutte le componenti interne - ha aggiunto Abete - la Figc porterà all'approvazione del Consiglio Federale una serie di misure, normative e non, che colpiscano più severamente i tesserati responsabili di aggressioni e atti di violenza, e garantiscano allo stesso tempo un più equo e rapido risarcimento anche dei danni materiali subiti dagli arbitri nell'esercizio della loro attività».


Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160