Conte: «Duello Juve-Milan sarebbe straordinario»

in

TORINO -
«Se dovesse durare il testa a testa Juve-Milan vorrebbe dire che avremmo fatto qualcosa di straordinario». La ripresa si avvicina, la squadra fatica al caldo di Dubai e Antonio Conte rientra in clima campionato. Lotta scudetto ristretta a un duello tra bianconeri e i rossoneri? Il tecnico juventino mantiene la solita cautela: «Sinceramente trovo prematuro fare determinati discorsi - sottolinea ai microfoni di Studio Sport -. È inevitabile che se dovesse accadere significherebbe che noi avremmo fatto qualcosa di straordinario, perchè non dimentichiamo mai da dove arriviamo. Dobbiamo essere orgogliosi di quello che abbiamo realizzato in poco tempo. Però aggiungo che a dicembre non si è fatto niente, bisogna vedere dove e come si arriva a maggio». Non bisogna perdere il ritmo, dunque. Per questo motivo, Conte è già concentrato sulla prima giornata del 2012, in calendario tra sei giorni a Lecce, sua città natale. Per questo il gruppo sta mettendo a punto la condizione fisica negli Emirati. Per questo i dirigenti stanno lavorando assiduamente sul mercato per completare il puzzle.


VISITE MEDICHE OK - È arrivato Marco Borriello, che oggi ha vissuto il primo giorno da bianconero sottoponendosi alle visite mediche e svolgendo il primo allenamento personalizzato a Vinovo per recuperare dal piccolo fastidio muscolare che si è portato dalla capitale. «Marco non ha mai rifiutato la Juve, in nessuna circostanza», ha ribadito ancora una volta il suo procuratore, Tiberio Cavalleri, che ha smentito così le ricostruzioni su quanto avvenuto 16 mesi fa quando l'attaccante, allora del Milan, scelse la Roma. «Borriello - ha aggiunto l'agente -. darà il massimo, poi toccherà ad altri decidere a fine stagione se si sarà meritato la conferma». Il primo rinforzo dunque è arrivato, ma ci sono altri due innesti sui quali si sta lavorando.


ALTRI ACQUISTI - Per la difesa si tratta con il Siviglia per completare l'affare Caceres; sempre con la Roma resta aperta la pista che porta a Pizarro, ideale vice-Pirlo per il centrocampo. Il discorso sarà approfondito nei prossimi giorni. Intanto l'ad Beppe Marotta tiene sempre sotto stretta osservazione Palombo e Montolivo, come possibili alternative al cileno, e continua ad occuparsi degli affari in uscita. Su Krasic, oltre alla (difficile) soluzione Inter, ci sono Chelsea e, ultimo ingresso, Bayern Monaco. Toni interessa a diversi club, italiani (Cesena e Cagliari) e stranieri (i brasiliani del Recife). Su Iaquinta, invece, «per ora non ci sono novità - sottolinea il suo agente, Andrea D'Amico -, lui è assolutamente un giocatore della Juventus, ha un contratto ancora per un anno e mezzo. Le scelte tecniche spettano all'allenatore, però è importante che il giocatore sia recuperato al 100%».


LE PAROLE DI MATRI - Torna a parlare anche Alessandro Matri che intervistato da Sky Sport 24 dice la sua in merito al nuovo acquisto della Juve, Marco Borriello: «Non mi preoccupa il suo arrivo. È un attaccante in più, è un rinforzo in più per noi, che ci permette di arrivare alla fine di questo campionato ben attrezzati. Si aggregherà ad un gruppo di attaccanti ben composto. Siamo tanti davanti? Siamo come tutte le altre squadre, siamo in cinque., sei, sette…». Borriello però è quello che, di fatto, ha delle caratteristiche più simili a quelle dell'ex attaccante del Cagliari e molto spesso Conte potrebbe essere indotto ad un ballottaggio tra i due: «Queste sono scelte che spettano all’allenatore - precisa tranquillo Matri -, sicuramente. Noi siamo a disposizione, da parte mia c’è sicuramente la voglia di giocare, come penso anche da parte di tutti gli altri. Quindi, sarà il mister a scegliere chi dovrà scendere in campo».



Fonte: 
Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160