Chelsea batticuore: 3-3 contro l'Aston Villa

in

ROMA, 2 gennaio - Premier per cuori forti: a Stanford Bridge il Chelsea continua a far soffrire i suoi tifosi. Arranca e insegue in casa l'Aston Villa, in zona Cesarini segna due gol e si porta in vantaggio, poi l'ennesima magra difensiva consegna il pari per 3-3 al termine di una gara scoppiettante. Ma la crisi è sempre evidente e per Carlo Ancelotti non sono momenti facili. La sua panchina continua a vacillare anche se i giocatori sono dalla sua parte. Lo dimostra l'abbraccio collettivo, l'ammucchiata gigante dopo il provvisorio 3-2. Ma Abramovich non può accontentarsi delle briciole. Il Chelsea si trova al quinto posto della Premier a sei punti dalle gemelle di Manchester. Ma mentre il City ha una gara in più, lo UNited ne ha una in meno e quindi le prospettive sono sempre difficili. È la difesa il tallone d'Achille dei bleus con l'Aston Villa che risponde al vantaggio al 23' di Lampard con Young al 41', entrambi i gol su rigore. Poi gli ospiti vanno in fuga con un gol di Heskey al 2' st. I blues costruiscono e sprecano una miriade di occasioni, poi al 39' Drogba trova il varco per il pareggio e sull'onda dell'entusiasmo Terry al 44' segna il 3-2. Sembra fatta ma sull'azione successiva la difesa dorme e Clark chiude i giochi con il 3-3 finale. Per Ancelotti un altro boccone amaro dopo che aveva pensato di avere raddrizzato la sua situazione.

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160