La Caratese deve arrendersi al Cantù

Con la sconfitta si scende al terzultimo posto

Recupero amaro per la Caratese che perde per mano di un Cantù che sblocca il match dopo soli 7’ con De Vecchi. Terzo ko di fila in casa per gli azzurri nell’arco di due settimane dopo quelli con Oltrepò e Pizzighettone, in mezzo la sconfitta a Trezzo e la vittoria di Alzano. La classifica diventa sempre più difficile per i lambraioli considerando che le dirette concorrenti per la salvezza stanno facendo punti. Dopo i recuperi della 4° di ritorno, la Caratese è raggiunta a quota 19 dal Borgosesia che ha fermato sullo 0-0 la Colognese. Pareggia anche l’Oltrepò (0-0) a Solbiate: i pavesi sono sempre penultimi con 18 punti ma accorciano sulle terzultime, Caratese e Borgosesia.

Cronaca. Inizio a favore della Caratese che dopo 5’ ha una buona opportunità per cercare di sbloccare il risultato: punizione precisa di Pastore, ma Musella manca l'aggancio e la sfera termina sul fondo. Gol sbagliato, gol subito. Al 7’ infatti il Cantù passa con De Vecchi che in area sfrutta una punizione di Spaggiari e beffa Menegon. Palla al centro e la Caratese cerca con Musella di rendersi pericolosa, ma il giovane attaccante al momento di calciare scivola e il suo tiro finisce sopra la traversa. Al 22’ gli azzurri ci riprovano con Pastore che direttamente su calcio piazzato cerca l’angolino vincente, ma Brunetti con i pugni devia in corner. Alla mezz’ora il Cantù usufruisce di due calci d’angolo di fila, ma non accade nulla. Il secondo tempo si apre con una punizione per i comaschi per fallo di Folcia su Spaggiari. Se ne incarica Prandini, ma Menegon sale in cattedra e con i pugni allontana la pericolosa conclusione ravvicinata dell’attaccante granata. La prima azione degna di nota per la Caratese in questa seconda parte del match arriva al 20’ con Graziano che, chiuso da quattro difensori, calcia a lato. Poco dopo è la volta di Aliotta con un tiro dalla distanza che finisce direttamente tra le braccia del portiere ospite. Alla mezz’ora Menegon è attento sulla punizione dal limite dell’area calciata da Pappalardo. Manca poco più di 15 minuti alla conclusione, Ottolina tenta il tutto per tutto e inserisce una punta, Chierici, al posto del difensore Bugno, già sceso in campo non in perfette condizioni per un risentimento muscolare. La musica però non cambia, anche se nel finale si registra qualche tentativo da parte dei padroni di casa.

In sintesi, gara non bella con un Cantù che in vantaggio ha badato di più a difendere l’1-0, Caratese con poca grinta e determinazione.

CARATESE         0

CANTU’                  1

 

CARATESE: Menegon, Consolino, Bugno (65’ Chierici), Mantegazza, Folcia, De Angeli, Alliotta, Cerra (46’ Sardina), Musella (46’ Romano), Graziano, Pastore. All: Ottolina.

CANTU’: Brunetti, Locatelli, Mireku, Corti, De Vecchi, Albonico, Testa, Tomaino, Tuz (60’ Pappalardo), Spaggiari, Prandini. All: Ronchetti.

 

MARCATORE: 7’ De Vecchi

ARBITRO: Diroldi di Lovere

AMMONITI: Albonico (Can), Cerra, Pastore (Car)

NOTE: Terreno scivoloso. Spettatori 500 circa

 

 

Fonte: 

Us Caratese

Vuoi commentare o votare questo articolo? Registrati subito!

Copyright © 2008/2009 Kines S.r.l. - C.F. e P.IVA: 02970240160